Certificazione Unica, disponibile su NoiPa a partire dal 16 marzo: cos’è e perché è utile

WhatsApp
Telegram

A partire dal 16 marzo, come stabilito dall’Agenzia dell’Entrate con la circolare del 17 gennaio, sarà disponibile su NoiPa la certificazione unica 2023.

Il documento è utilizzato dai sostituti d’imposta per attestare diversi tipi di redditi, tra cui il lavoro dipendente e assimilato, lavoro autonomo, provvigioni, redditi diversi e corrispettivi derivanti da contratti di locazione brevi.

In sostanza, è un riepilogo dei redditi percepiti nel corso dell’anno e si riceveranno tante certificazioni quanti sono i datori di lavoro o i committenti avuti nel corso dell’anno.

Il soggetto che retribuisce i compensi da lavoro dipendente o lavoro autonomo è obbligato a versare le ritenute IRPEF su tali compensi e a produrre la relativa certificazione annuale, nota come Certificazione Unica. Questo obbligo ricade sul sostituto d’imposta, che solitamente coincide con il datore di lavoro per i dipendenti o con il committente/cliente per i lavoratori autonomi.

Il produttore della certificazione ha due doveri da adempiere: trasmettere la certificazione all’Agenzia delle Entrate, che grazie a questi dati potrà alimentare le dichiarazioni precompilate e effettuare controlli incrociati a campione, e consegnare la certificazione al percipiente, ovvero al lavoratore dipendente o al collaboratore autonomo.

Si segnala che la trasmissione telematica delle certificazioni uniche che riguardano esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili attraverso la dichiarazione dei redditi precompilata, può essere effettuata entro il 31 ottobre 2023, ovvero il termine di presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri