Certificato di competenze per i nuovi percorsi di istruzione professionale. Modello e decreto in Gazzetta Ufficiale

WhatsApp
Telegram

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto ministeriale 267 del 24 agosto 2021 concernente l’adozione del certificato di competenze per i nuovi percorsi di istruzione professionale. Il modello di Certificato di competenze è rilasciato, a richiesta dell’interessato, nel corso delle singole annualità, ovvero al termine delle prime quattro annualità del percorso di studio, tra l’altro, ai fini dei passaggi dai percorsi dell’istruzione professionale ai percorsi dell’istruzione e formazione professionale (IeFP), nonché per consentire, il riconoscimento di crediti formativi per la progettazione ed attivazione degli interventi integrativi finalizzati al conseguimento di una qualifica o un diploma professionale di IeFP.

La certificazione delle competenze costituisce una caratterizzazione dell’assetto didattico dei nuovi percorsi di istruzione professionale ed è resa dalle istituzioni scolastiche statali e paritarie che offrono percorsi di istruzione professionale.

La certificazione delle competenze:
a) è effettuata con riferimento alle unità di apprendimento (UdA) quale insieme autonomamente significativo di competenze, abilità e conoscenze in cui è organizzato il percorso formativo della studentessa e dello studente;

b) descrive i risultati di apprendimento raggiunti in termini di competenze, ovvero di abilità e conoscenze laddove le competenze non siano state pienamente raggiunte, effettivamente e complessivamente acquisiti dalla studentessa e dallo studente, ai diversi livelli intermedi del percorso di apprendimento, riconducibili agli assi culturali in cui è organizzato il percorso di studio;

c) esplicita le competenze, ovvero le abilità e conoscenze nelle ipotesi di cui alla precedente lettera b), acquisite, riportando la denominazione, la descrizione, l’indicazione del contesto prevalente di apprendimento e, nell’ambito del Sistema nazionale di certificazione delle competenze, l’indicazione del livello del quadro nazionale delle qualificazioni di cui all’allegato 1, tabella A, del decreto 8 gennaio 2018, nonché il codice statistico di riferimento dell’attività economica (ATECO) e, laddove presente, della nomenclatura e classificazione delle unità professionali (NUP), riconducibili al percorso formativo frequentato dalla studentessa e dallo studente;

d) indica, in sede di passaggio da un percorso di istruzione professionale ad un percorso di istruzione e formazione professionale, le competenze acquisite nell’ambito del curricolo di classe e del curricolo personalizzato, al fine di permettere la progettazione e l’attuazione delle attività di accompagnamento e sostegno della studentessa e dello studente finalizzate al graduale inserimento nel percorso di studi di destinazione e a favorirne il successo formativo;

e) descrive le competenze, ovvero le conoscenze e abilità nelle ipotesi di cui alla precedente lettera b), gia’ acquisite, ai fini del riconoscimento dei crediti formativi, per la progettazione e attivazione degli eventuali interventi integrativi di cui all’art. 3, comma 2 del decreto interministeriale 17 maggio 2018 per il conseguimento, da parte degli studenti dell’istruzione professionale, di una qualifica o un diploma professionale del Repertorio nazionale delle figure di riferimento dell’istruzione e formazione professionale.

MODELLO

Decreto in Gazzetta Ufficiale 

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti