Cerca ultimo tema della figlia morta di tumore: “Mi restituirebbe parte di lei”. Il desiderio di Sabrina sembra irrealizzabile

WhatsApp
Telegram

“C’è un tema che vorrei recuperare, ma finora i tentativi con la scuola si sono arenati. Il tema di mia figlia, tre mesi prima di lasciarci”. E’ l’appello-desiderio di Sabrina, fondatrice dell’associazione Agito (Genitori insieme tumori ossei), che fa riferimento all’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. La storia è riportata oggi dal Corriere di Bologna.

Eleonora è stata colpita a 12 anni da un osteosarcoma, e se ne è andata 17 mesi dopo, a settembre 2018. Ora la mamma sta cercando di avere lo scritto di italiano che Eleonora aveva sostenuto per le prove di ammissione alla terza media di una scuola privatista.

Sostenere l’esame era la cosa naturale da fare – spiega la mamma – lei desiderava la vita più normale possibile; per i ragazzi che si ammalano la scuola è importantissima, significa speranza e promessa di futuro“.

Sabrina due anni fa ha cominciato a pensare a quell’ultimo tema e ha scritto una prima mail alla scuola per provare a ottenerlo, nessuna risposta. Qualche giorno fa ci ha riprovato con telefonate e un post sul suo profilo Facebook.

Forse non ho seguito l’iter formale corretto – dice – Eleonora ha lasciato poche tracce, solo qualche bigliettino che si scambiava con le amiche. L’ adolescenza è esplosa insieme alla malattia, con lei i conflitti, era molto arrabbiata. Non so quanto ci dicessimo la verità. Quel tema mi restituirebbe una parte di lei“.

WhatsApp
Telegram

A luglio, in tutta Italia, partecipa ai nuovi “Workshop formativi: pensare da dirigente scolastico” organizzati da Eurosofia