Centemero (Fi): ” I sindacati non valorizzano il merito”

di redazione
ipsef

"La scuola va cambiata nel profondo mentre i sindacati hanno dimostrato e dimostrano ancora di avere a cuore solo la stabilizzazione di tutti i precari, indipendentemente dalla capacità di insegnare che nessuno valuta, e da sempre hanno cercato di mantenere lo status quo. Per questo, resto convinta della necessità di andare avanti in un percorso di cambiamento: ne va del futuro dei nostri giovani".

"La scuola va cambiata nel profondo mentre i sindacati hanno dimostrato e dimostrano ancora di avere a cuore solo la stabilizzazione di tutti i precari, indipendentemente dalla capacità di insegnare che nessuno valuta, e da sempre hanno cercato di mantenere lo status quo. Per questo, resto convinta della necessità di andare avanti in un percorso di cambiamento: ne va del futuro dei nostri giovani".

Lo dichiara, in una nota, la deputata e responsabile scuola e università di Forza Italia, Elena Centemero.

"Il sistema di reclutamento dei docenti – prosegue – andava modificato già da tempo per mettere un punto al precariato e alle graduatorie e stabilire, una volta per tutte, che alla scuola si accede per concorso. Per troppi anni purtroppo, compresi quelli tra il 1999 e il 2012, non sono stati banditi concorsi a cattedre, non si è valorizzata la professionalità degli insegnanti e non si è dato spazio al merito", conclude.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione