Centemero (Fi), riforma basata su stabilizzazione precari

Stampa

"Periodicamente, il premier Renzi si ricorda della riforma della scuola e dei tempi necessari per farla entrare in vigore a settembre. Peccato che, a distanza di mesi dal lancio mediatico della 'buon scuola', ancora stiamo aspettando di sapere quali siano i reali contenuti del piano, al di là della serie infinita di generiche idee e intenzioni manifestate dal governo, e dove verranno trovate le risorse necessarie a realizzarlo".

"Periodicamente, il premier Renzi si ricorda della riforma della scuola e dei tempi necessari per farla entrare in vigore a settembre. Peccato che, a distanza di mesi dal lancio mediatico della 'buon scuola', ancora stiamo aspettando di sapere quali siano i reali contenuti del piano, al di là della serie infinita di generiche idee e intenzioni manifestate dal governo, e dove verranno trovate le risorse necessarie a realizzarlo".

Così, in una nota, la responsabile scuola e università di Forza Italia, Elena Centemero. "Finora, solo una cosa è chiara: più che sull'occupabilità degli studenti, sulla libertà di scelta educativa delle famiglie e sulla qualità dell'insegnamento, il governo è concentrato nel tentare di dare un senso all'enorme stabilizzazione di precari che ha deciso di varare", conclude la deputata.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!