Centemero (Fi), preoccupa mancanza seria valutazione per assunti

di redazione
ipsef

 "Le famiglie sanno bene quanto sia importante per un figlio incontrare un buon insegnante nel percorso di vita.

 "Le famiglie sanno bene quanto sia importante per un figlio incontrare un buon insegnante nel percorso di vita.

Per questo è necessario un serio sistema di valutazione degli insegnanti e delle scuole e le sperimentazioni VSQ, Vales, Valorizza possono fornire modelli di cui far tesoro. Ci preoccupa il fatto che siano immessi in ruolo centinaia di migliaia di precari dalle Graduatorie ad Esaurimento senza che nessuno li abbia valutati e senza sapere se sono bravi insegnanti o meno".

Lo dichiara, in una nota, la deputata e responsabile scuola e università di Forza Italia, Elena Centemero. "Nel ddl scuola in Commissione è stato inserito un Comitato di Valutazione dei docenti che individua solo i criteri in base ai quali il Dirigente valuterà gli insegnanti e non prevede la presenza di componenti esterni.

Ci sarebbe invece bisogno di una valutazione terza, esterna, fatta da ispettori o da altri dirigenti in una rete di scuole, un sistema che preveda valutazione interna, valutazione esterna e lettura dei dati Invalsi. Il corpo ispettivo, nel nostro Paese, conta su cifre irrisorie: una cinquantina di ispettori a cui se ne aggiungeranno un’altra settantina.

Ben poca cosa. Sarebbe stato meglio un investimento più consistente per creare un vero corpo ispettivo, come in Inghilterra, per valutare docenti, dirigenti, personale scolastico e i risultati delle nostre scuole, a cui far seguire poi una carriera e una retribuzione differenziata tra insegnanti, cosa a cui il governo ha rinunciato", conclude.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione