Centemero (Fi), in ddl governo luci e ombre: bene autonomia, male merito

di redazione

"Il ddl sulla scuola del governo presenta luci e ombre. In attesa di conoscere il testo nel dettaglio, giudichiamo positivamente il rafforzamento dell'autonomia, il ruolo riconosciuto ai dirigenti scolastici e la previsione di assunzioni tramite concorso.

"Il ddl sulla scuola del governo presenta luci e ombre. In attesa di conoscere il testo nel dettaglio, giudichiamo positivamente il rafforzamento dell'autonomia, il ruolo riconosciuto ai dirigenti scolastici e la previsione di assunzioni tramite concorso.

Perplessità, invece, suscitano il piano per l'assunzione di 100.000 precari, la marginalità del merito per i docenti e l'intervento sulla parità scolastica".

Lo ha detto, al Tg5, l'on. Elena Centemero, responsabile Scuola e Università di Forza Italia

Centemero (Fi), ddl bene su autonomia, male su merito

"Nell'approntare la riforma della scuola, gli istituti scolastici non sono stati interpellati rispetto ai loro reali bisogni, non è stato chiesto quanti e quali docenti servissero per rafforzare l'offerta formativa. Quindi il governo non ci venga a dire che il piano di assunzioni è stato strutturato sulla base delle reali necessità delle scuole, perché non è così".

Lo ha detto, a Sky Tg24, l'on. Elena Centemero, responsabile scuola e università di Forza Italia, che poi, sul ddl dell'esecutivo, ha commentato: "Bene gli interventi per l'autonomia scolastica, che esiste dal ’97, e il rafforzamento del ruolo dei presidi.

Ma il ddl ha perso efficacia sul fronte della valorizzazione del merito dei docenti rispetto alle proposte iniziali. Noi restiamo convinti che i docenti debbano ricevere una retribuzione adeguata in base all'impegno e alle capacità e questo può avvenire solo con una valutazione seria e trasparente degli insegnanti, dei dirigenti e dell'intera scuola.

Perché non bisogna dimenticare che la scuola è un servizio pubblico e, come tale, deve rispondere alle esigenze dei cittadini", ha concluso.

Versione stampabile
Argomenti: