Centemero (FI), dati Ocse dicono che c’è molto da fare

WhatsApp
Telegram

“Le performance degli studenti italiani presentano differenze significative, a cominciare da quella di genere. Bisogna colmare il gap tra ragazze e ragazzi rispetto alle skills nelle cosiddette Stem, ossia le discipline dell’area scientifica e tecnologica che sono state individuate, a livello europeo, come quelle in grado di offrire maggiori possibilità di occupazione nel futuro”.

Così la deputata e responsabile scuola e università di Forza Italia, Elena Centemero, commenta i dati dei test Ocse-Pisa 2015. “In secondo luogo, le differenze registrate tra studenti del Nord e del Sud confermano la necessità di un impegno per far sì che si arrivi ad una omogeneità della qualità dell’offerta formativa, senza abbassare gli standard. Più in generale, i dati Ocse dicono che c’è molto ancora da fare e che il miglioramento dell’istruzione dovrà essere al centro dell’azione di qualunque governo nei prossimi anni”, conclude.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur