Centemero (FI), aggressioni a prof sintomo cortocircuito educativo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“I crescenti casi di docenti aggrediti da parte di studenti o genitori sono l’emblema di una emergenza educativa: l’alleanza educativa tra scuola e famiglia è in cortocircuito. La scuola non può sostituirsi ai genitori nella funzione educativa primaria dei giovani”. Lo ha detto a Tgcom 24 la deputata e responsabile Scuola e università di Forza Italia, Elena Centemero.

“E’ indispensabile una maggiore partecipazione delle famiglie alla vita scolastica e un recupero di autorevolezza della scuola. Il fatto che gli insegnanti non vengano più considerati una categoria centrale è confermato anche dal livello molto basso del trattamento stipendiale, anche dopo l’ultimo e irrisorio aumento di 40 euro al mese. Va inoltre ridato peso al voto di condotta ed è necessario far sì che l’educazione civica diventi materiale curriculare per spiegare a studentesse e studenti le regole alla base della nostra comunità. Chiedo infine ai leader politici di parlare più di istruzione e di assumersi precise responsabilità verso il mondo della scuola”, ha concluso.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare