Censimento MIUR Alternanza scuola-lavoro: tutte le istruzioni

di Patrizia Del Pidio
ipsef

La nota 1533 dello scorso 4 maggio diffusa dal MIUR ha lanciato un sondaggio che, fino al prossimo 31 luglio, avrà lo scopo di raccogliere dati per un monitoraggio sulle scuole superiori sull’alternanza scuola-lavoro.

La nota 1533 dello scorso 4 maggio diffusa dal MIUR ha lanciato un sondaggio che, fino al prossimo 31 luglio, avrà lo scopo di raccogliere dati per un monitoraggio sulle scuole superiori sull’alternanza scuola-lavoro.

Un censimento che vuol monitorare tutti quei progetti che, attenendosi alla Leffe di Stabilità, saranno la base dell’istruzione italiana.

Fino al 2014 questo monitoraggio era un compito dell’Indire e era volto a rilevare qualità e quantità dei percorsi di alternanza attivati dai diversi istituti superiori.

Dal 2015, invece, il MIUR chiama a raccolta le scuole per fare in modo che il compito, assunto dal Ministero stesso  solo per gli aspetti quantitativi, porti ad un inserimento dei diversi dati raccolti nell’area “Alunni” del SIDI. Resta compito dell’Indire, invece, la rilevazione degli aspetti qualitativi dell’alternanza scuola-lavoro.




Il ministero fa notare che la comunicazione dei dati richiesti è un condizione indispensabile per l’assegnazione dei relativi finanziamenti

Proprio in previsione della raccolta sul portale del SIDI è stata predisposta, dal 4 maggio scorso, la funzione “Alternanza scuola-lavoro” che va a sostituire l’attuale raccolta di informazione che riguarda tirocini, stage e alternanza che sono presenti nella scheda dell’alunno.

La funzione “Alternanza scuola-lavoro” si articola in due sotto funzioni: “Percorsi di alternanza scuola lavoro” dove la scuola deve inserire tutti i dati che riguardano il percorso attivato come ad esempio descrizione, durata, data inizio, finanziamenti e tipologia e “Alunni in alternanza scuola lavoro” in cui la scuola associa i percorsi definiti agli alunni.

Alla chiusura delle rilevazioni, alla data del 31 luglio, le informazioni inserite dalla scuola non potranno più essere modificate.

Anche se la funzione ancora non è disponibile, il MIUR fornirà a breve anche una funzione per  inserire le certificazioni delle competenze conseguite dagli alunni, passaggio che si volgerà soltanto a fine anno scolastico.

Versione stampabile
anief
soloformazione