Cellulari in classe. I prof non hanno bisogno di divieti, ma di buone pratiche didattiche

Stampa
giovani

Nel Corriere di Torino del 20 dicembre scorso è stato pubblicato un articolo di Tommaso De Luca sull’uso dei cellulari in classe.

Partendo dalla notizia che in Francia si vieteranno i cellulari dal prossimo rientro dalle vacanze, l’autore ricorda che anche in Italia è stato formato un gruppo di studio che sta redigendo le linee guida sull’uso dei dispositivi in classe. Sono un gruppo di trenta esperti di didattiche innovative, che, spera l’autore, andranno più in là della decisione di vietare i cellulari riponendoli nella scatola sulla cattedra.

Alle scuole, precisa l’autore, non serve sapere come vietare i cellulari in base ad un regolamento ministeriale, ma servono suggerimenti sugli usi didattici di questi che possono essere considerati ormai computer da tasca, comunicazione di esperienze diverse tra le scuole, scambio di pratiche, sperando così, per questa volta, conclude De Luca,  di far meglio dei cugini francesi.

Stampa

Eurosofia. Aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora