Cellulare e tablet in classe, Fedeli: uso va guidato per evitare fake news e cyberbullismo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il ministro Fedeli ha risposto ad un’interrogazione parlamentare sull’uso di cellulari e tablet in classe. 

L’interrogazione è stata presentata da alcuni deputati di FdI-AN, tra cui Rampelli.

Il Ministro ha affermato, come riferisce l’Ansa, che le nuove tecnologie possono diventare un valido strumento di facilitazione dell’apprendimento.

L’utilizzo dei device tecnologici, ha proseguito la Fedeli, va guidato per evitare che i ragazzi si imbattano in fake news o diventino vittime del cyberbullismo.

Per i motivi suddetti, ha concluso il Ministro, è stata istituita un’apposita commissione “con il compito di individuare le linee guida dell’utilizzo di device in aula da parte delle ragazze e dei ragazzi, guidati dal docente e come nuovo strumento didattico.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione