CEI chiede più soldi per le scuole paritarie

WhatsApp
Telegram

Il Segretario generale CEI al congresso di Firenze su scuola e lavoro ha affrontato anche la delicata questione dei finanziamenti pubblici alle scuole non statali.

Il Segretario generale CEI al congresso di Firenze su scuola e lavoro ha affrontato anche la delicata questione dei finanziamenti pubblici alle scuole non statali.

In particolar, Galantino ha chiesto all’esecutivo una maggiore cura all’istruzione: "Alla scuola il governo sta dando attenzione ma non è ancora sufficiente. Senza investimenti nella formazione non si va da nessuna parte", ha detto.

Affermazioni che si inseriscono sul solco di quelle dei vescovi del Veneto che si sono appellati ai parlamentari.

La lettera è il frutto di incontri e contatti avuti nei giorni scorsi anche con i rappresentanti delle associazioni scolastiche ed esprime “la forte e crescente preoccupazione per la sussistenza e il futuro delle scuole paritarie e della formazione professionale, realtà a pieno titolo pubbliche e quindi aperte a tutti”, in particolare “alla luce della ridottissima previsione di spesa e di investimenti, a favore del settore, emergente dalla legge di stabilità appena varata dal governo nazionale – ora sottoposta alla valutazione del Parlamento – e delle paventate ulteriori diminuzioni di finanziamenti da parte degli Enti locali”.

Scrivono i Vescovi che ricordano come, ad esempio in Veneto, “2 bambini su 3 frequentano le scuole paritarie dell’infanzia mentre la formazione professionale continua a costituire un argine efficacissimo alla dispersione scolastica e un valido inserimento nel mondo del lavoro (oltre il 70% trova un posto entro 1 anno)”.

WhatsApp
Telegram

Diventa docente di sostegno, bando a breve: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro