C’è accordo sulle scuole paritarie: fino a 300 milioni. Il Pd: era doveroso intervenire

C’è accordo tra le forze parlamentari per destinare più fondi alle scuole paritarie. Lo annuncia il Partito Democratico.

Via libera a fondi fino a 300 milioni di euro per le scuole paritarie. 150 milioni di euro per le scuole primarie e secondarie paritarie. In particolare, 100 milioni per gli istituti con alunni fino a sei anni e 50 milioni per le rette delle secondarie.

Lo conferma, con una nota, Stefano Lepri, membro del consiglio di presidenza della Camera, in quota Partito Democratico: “Sulle scuole paritarie è stato trovato l’accordo: saranno raddoppiati i fondi con un emendamento bipartisan. Il gruppo PD alla Camera si è adoperato per garantire maggiori risorse alle scuole paritarie. Grazie all’emendamento concordato e che sarà votato, saranno complessivamente garantiti ristori per 180 milioni alle scuole dell’infanzia e per 120 milioni alle scuole paritarie primarie e secondarie. E’ infatti doveroso intervenire per assicurare la continuità e la sopravvivenza di servizi educativi e scolastici fondamentali, messi duramente a rischio dalla pandemia”.

Scuole paritarie, Gelmini (Forza Italia): più soldi grazie a noi. M5S si è arreso al buon senso

Scuole paritarie, il M5S è contrario all’aumento dei fondi: amareggiati per accordo

Poco dopo arriva la nota di Graziano Delrio, capogruppo del Partito Democratico alla Camera: “I democratici si erano impegnati ad accogliere le preoccupazioni delle famiglie per le scuole paritarie e per questo siamo soddisfatti che si siano raddoppiati col lavoro del parlamento gli stanziamenti previsti. La scuola pubblica statale e paritaria è un bene prezioso. I nostri bambini tutti importanti. Le scuole paritarie sono parte rilevante del sistema scolastico nazionale, una scelta di libertà educativa e spesso anche l’unica presenza in molte realtà difficili del Paese. Un bene prezioso per la comunità nazionale”.

Poco dopo arriva la nota anche di Italia Viva: “Sulle paritarie, alla fine, ha prevalso il buonsenso: raddoppiano i fondi per asili e istituti”. Così Gabriele Toccafondi, Daniela Sbrollini e Michele Anzaldi, componenti del partito in Commissione Cultura alla Camera e al Senato.

“Grazie a Italia Viva – spiegano – che ci ha sempre creduto, investito e lottato, spiegando, evidenziando argomentazioni e ragioni, arriva una splendida notizia: raddoppiano i fondi per asili e scuole paritarie. Si tratta di 300 milioni che permetteranno di aiutare 12mila realtà, 900mila famiglie, 180mila dipendenti. Per la prima volta (quasi) tutti i partiti sostengono la libertà di scelta educativa”.

“Dopo questi ulteriori 150 milioni di aumento,100 al percorso dell’infanzia e 50 per le scuole, previsti da un emendamento al Dl Rilancio, arriveranno complessivamente 180 milioni alle scuole dell’infanzia (0-6 anni) e 120 milioni alle scuole paritarie”, concludono.

Arriva anche la nota della Lega: “In commissione Bilancio è da poco stato approvato un emendamento della Lega al Decreto Rilancio grazie al quale saranno assegnati alle scuole paritarie 300 milioni di euro. Un passo avanti importante nella direzione di un sostegno adeguato al sistema scolastico non statale. La battaglia continua. Nostro obiettivo è vincere un certo pregiudizio ideologico, in seno al governo e alla maggioranza, che fino ad oggi ha negato aiuti adeguati a 12mila istituti, quasi 160mila insegnanti e quasi un milione di studenti. La scuola deve essere autenticamente libera e sussidiaria”. Così il deputato Lorenzo Fontana, vicesegretario federale del partito.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia