Cattedre vacanti e orari ridotti, il tempo pieno a Roma è una chimera. I presidi: “Una scuola su cinque è in difficoltà”

WhatsApp
Telegram

Inizia il nuovo anno scolastico ma non tutti gli studenti possono dire di aver ripreso pienamente le lezioni. Alla fine della terza settimana, molte scuole, soprattutto alla primaria, continuano a fare i conti con cattedre vacanti, orari ridotti e una perdita sostanziale di ore di lezione.

Il fenomeno tocca in particolar modo le classi a tempo pieno, dove gli alunni, anziché uscire alle 16:30, terminano le lezioni alle 14:30, con una perdita di due ore al giorno, ovvero il 25% del tempo scolastico settimanale.

Cristina Costarelli, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi del Lazio e preside del liceo Newton di Roma, illustra la situazione a Il Messaggero: circa una scuola su cinque è attualmente interessata da questo problema, soprattutto dove il numero di supplenze è maggiore. La situazione, seppur con fatica, sembra mantenere un certo equilibrio nelle scuole superiori, ma il disagio è palpabile nelle elementari e medie. L’ultimo bollettino con le convocazioni su Roma è stato emesso la scorsa settimana, e il prossimo arriverà non prima di dieci giorni. Nel frattempo, le scuole cercano di gestire la situazione con risorse interne o attivando procedure di nomina autonoma.

Il problema si complica ulteriormente a causa di errori nelle liste delle GPS. Docenti già in servizio risultano ancora iscritti nelle liste e vengono convocati in altri istituti. Ogni errore comporta una nuova serie di convocazioni e nomine, protraendo la situazione di incertezza.

Nel tentativo di trovare una soluzione, alcune scuole stanno iniziando a convocare docenti dalle loro graduatorie di istituto, o attraverso le Mad, nel caso in cui tutte le graduatorie risultassero esaurite. Tuttavia, prima di poter procedere con queste misure, è necessario attendere le nuove convocazioni dagli uffici scolastici..

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri