Cattedre extralarge con più di 18 ore sono illegittime. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da i Dipartimenti di Filosofia e di Scienze del Liceo Scientifico “U.Dini” di Pisa – Lettera aperta sulle cattedre extralarge, con più di 18 ore. Solo nei primi giorni di settembre, in quasi tutte le scuole della Provincia di Pisa, i Dirigenti Scolastici hanno comunicato ai docenti quali sarebbero state le loro classi nel nuovo anno scolastico, cioè quale sarebbe stata la composizione della loro cattedra.

Quest’anno abbiamo avuto la sconcertante sorpresa di scoprire che, in tutta la Provincia, numerose cattedre superavano le 18 ore stabilite dal C.C.N.L.

Tale aggravio di orario ha come prima conseguenza una ripercussione dal punto di vista didattico, soprattutto la compromissione della qualità dell’insegnamento e dell’offerta formativa.

Altro svantaggio deriva al personale precario con la riduzione delle opportunità di lavoro. Inoltre rimane cosa vaga ed incerta, per il personale di ruolo, come queste ore eccedenti possano essere retribuite o computate ai fini del trattamento pensionistico. Quando i docenti che si sono dichiarati non disponibili al lavoro straordinario, previsto dalla cattedra che era stata loro assegnata senza previo consenso, lo hanno segnalato al Dirigente Scolastico, hanno avuto l’ulteriore sorpresa di sapere che il D.S. li riteneva obbligati ad accettare le ore oltre le 18 contrattuali. Anche chiarimenti e motivazioni richieste all’USP di Pisa non hanno, al momento, avuto risposta.

Ci sembra, da una lettura attenta della nota ministeriale 422/19 sugli organici della scuola e della normativa da essa richiamata, che molte di queste cattedre siano illegittime e, in ogni caso, che debba essere consentito ai docenti di rifiutarle.

Non capiamo cosa sia accaduto e ci sembra ingiusto, per veder rispettati i nostri diritti, dover ricorrere al giudice del lavoro.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione