Cattedra Orario Esterna: quali criteri per l’attribuzione. Può condizionare l’individuazione del soprannumerario?

di Giovanna Onnis

item-thumbnail

L’attribuzione di una Cattedra Orario Esterna può seguire criteri diversi, ma la sua assegnazione non condizionea l’individuazione del soprannumerario

Un lettore ci scrive:

Sono un docente di ruolo della scuola secondaria di II grado. Sono entrato in ruolo nel 2017 e sono titolare su una cattedra interna. Con l’aumento degli iscritti due anni fa è stata trasferita nella scuola dove lavoro una collega anche lei titolare ma su cattedra orario esterno. La collega ha più punti di me ma essendo appena arrivata l’anno scorso è risultata comunque in coda alla graduatoria interna. Con la riduzione degli iscritti il prossimo anno perderemo molte ore e ci sarà un perdente posto. Chi sarà il perdente posto? Io che ho una COI o lei che è stata assunta su COE ma ha più punteggio? Vi chiedo gentilmente di chiarirmi le idee in quanto anche informandomi sto ottenendo risposte contrastanti”

Una  Cattedra Orario Esterna presente nell’organico di un’istituzione scolastica si costituisce in seguito a contrazione oraria che determina la trasformazione di una cattedra interna in una cattedra con completamento esterno.

L’assegnazione di una COE segue criteri diversi a seconda che sia una COE ex-novo oppure una cattedra già presente nell’organico dell’anno precedente

Attribuzione di una COE ex-novo

Una COE ex- novo è una cattedra orario esterna non presente nell’organico dell’anno precedente, che si forma in seguito a contrazione oraria con conseguente trasformazione di una COI in COE.

Questa cattedra dovrà, quindi, essere assegnata ad un docente titolare nella scuola, in servizio l’anno precedente su una cattedra interna e per la sua attribuzione sarà determinante la graduatoria interna di istituto.

La COE ex-novo dovrà essere assegnata, quindi, al docente in coda nella graduatoria interna di istituto, che può essere colui che ha punteggio inferiore o il docente ultimo arrivato nella scuola per movimento in entrata o immissione in ruolo, in sintonia con quanto disposto nell’art.11 comma 8 del CCNI sulla mobilità:

Qualora, a seguito di contrazione di ore nell’organico di diritto, si costituisca ex novo una cattedra orario con completamento esterno da assegnare ad uno dei docenti già titolari nella scuola ed in servizio su cattedra interna nel corrente anno scolastico, tale assegnazione avrà carattere annuale e dovrà avvenire tenendo conto della graduatoria interna d’istituto aggiornata con i titoli posseduti al 31 agosto, tenendo conto  che i titolari entrati a far parte dell’organico dal  precedente 1 settembre andranno utilmente inseriti nella relativa graduatoria e con la precisazione di cui all’art. 13, comma 3, lett. c del presente contratto […]”

Attribuzione di una COE presente nell’organico dell’anno precedente

Nel caso di Cattedra Orario Esterna presente nell’organico dell’anno precedente, questa deve essere assegnata allo stesso docente in servizio su tale cattedra l’anno scolastico precedente, a prescindere dal suo punteggio e dalla posizione occupata nella graduatoria interna di istituto.

Questo docente potrà essere “assorbito” su una cattedra interna soltanto se questa risulterà vacante nell’organico, come stabilisce il succitato art.11 nei commi 2 e 3:

“2. Il docente titolare su cattedra articolata su scuole diverse, ove nella prima delle scuole si liberi una cattedra, sarà automaticamente assegnato su questa ultima cattedra. Pertanto, all’esito delle operazioni di

mobilità, verrà pubblicato tra le  eventuali disponibilità l’effettiva tipologia di cattedra interna o esterna.

  1. Tali operazioni avverranno a condizione che la cattedra, prevista nell’organico, sia priva di titolare. Non sono necessari a tal fine ulteriori provvedimenti da parte dell’ufficio territorialmente competente”

Docente soprannumerario in presenza di una COE

In presenza di contrazione nell’organico della scuola l’individuazione del docente soprannumerario viene fatta in base alla graduatoria interna di istituto e sarà dichiarato perdente posto il docente in coda.

La cattedra occupata, COI oppure COE, non ha alcuna influenza sulla determinazione del soprannumerario.

Potrebbe diventare tale anche il docente in servizio su una COI, ma con minor punteggio.

In questo caso il docente in servizio nel corrente anno scolastico su una COE, lavorerà l’anno successivo nella COI “liberata” dal docente soprannumerario.

Nel caso indicato dalla nostra lettrice sarà, quindi,  lei a diventare soprannumeraria, in quanto ha un punteggio inferiore rispetto alla collega in servizio su una COE

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
ads ads