Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Cattedra Orario Esterna : è possibile la composizione serale+diurno anche se il diurno non è richiesto dal docente

Stampa

La sede di completamento di una COE è stabilita dall’Ufficio Scolastico Provinciale. Questa sede, che può essere sia un serale che un diurno,  può non rientrare nelle preferenze del docente

Una lettrice ci scrive:

Sono docente di ruolo nella scuola secondaria di primo grado,  vorrei fare domanda di mobilità per la scuola secondaria di secondo grado SERALE: ho selezionato già 15 codici meccanografici relativi a 15 percorsi tutti di secondo livello.

Volevo chiederle: c’è il “rischio” che mi venga assegnato, magari come completamento orario, un istituto di secondo grado “diurno”? 

Io non avrei problemi a lavorare in più serali, per me il problema sarebbe lavorare in diurni e serali insieme.

Se seleziono la voce “cattedre orario stesso comune” , il rischio diventa concreto?

Io interpreto quella voce nel senso di “più cattedre fra le serali scelte dello stesso comune

La composizione di una Cattedra Orario Esterna viene stabilita dall’Ufficio Scolastico Provinciale in fase di predisposizione degli organici , abbinando due o più spezzoni orario al fine di costituire una cattedra completa.

Tale cattedra è, quindi, caratterizzata da una sede principale, che rappresenta la scuola di titolarità per il docente, e da una o due sedi di completamento, scuole che potranno essere ubicate nello stesso comune o in comune diverso rispetto alla sede principale.

Composizione di una COE: quali criteri

Nella composizione di una  COE è necessario rispettare il criterio della facile raggiungibilità delle sedi, in quanto deve essere garantita la possibilità di spostarsi nella stessa giornata da una sede di servizio ad un’altra in modo tale da non ostacolare l’esercizio dell’attività didattica.

Una COE, in ogni caso, può essere costituita con un massimo di tre scuole autonome in non più di due comuni.

COE e sede di completamento

La sede di completamento di una COE è, quindi, decisa dall’USP e il docente non ha, in merito,  alcuna voce in capitolo e non può fare scelte in tal senso.

Il docente che chiede anche COE nella domanda di trasferimento deve, quindi, essere consapevole che, se sarà soddisfatto nella richiesta, sarà accontentato per la sede principale della cattedra, mentre la sede di completamento potrebbe essere una scuola da lui non richiesta e potrebbe essere sia nel corso diurno che nel corso serale

Conclusioni

La nostra lettrice interpreta erroneamente la composizione delle “cattedre orario stesso comune“, intendendo “più cattedre fra le serali scelte dello stesso comune“.

La COE nello stesso comune, infatti, potrebbe essere una cattedra con titolarità nel corso serale e completamento nel corso diurno o viceversa, come indicato nell’art.12 comma 4 del CCNI sulla mobilità:

La cattedra orario tra il corso diurno e il corso serale (o viceversa) viene considerata come cattedra orario esterna fra due istituti diversi. Pertanto, coloro che hanno fatto esplicita richiesta per le cattedre orario fra istituti diversi possono essere trasferiti anche su cattedre orario fra corsi diurni e corsi serali

https://www.orizzontescuola.it/mobilita-insegnanti-2020-guide-consulenza-online-e-faq-di-orizzontescuola/

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata