Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Cattedra orario esterna e contrazione oraria nella scuola di completamento: quando il docente diventa soprannumerario

WhatsApp
Telegram

La scuola di completamento di una COE può cambiare l’anno successivo, ma in assenza di questa potrebbe esserci esubero nella sede principale. Differenze tra Secondaria I grado e Secondaria II grado

Un lettore ci scrive:

Sono un docente titolare su cattedra esterna 12+6. Attualmente con la formazione delle nuove classi sono venuto a conoscenza che dal prossimo anno perderò le 6 ore della scuola di completamento ma ne “guadagnerò” 3 nella scuola di titolarità dunque mi troverò con 15 ore.

Vorrei sapere, verrò assorbito nella scuola di titolarità con una cattedra 15+3 (potenziamento o a disposizione) oppure avrò sempre una cattedra esterna 15+3 presso altra scuola?

Per completare le 18 nel secondo caso si occuperà l’USP oppure potrebbe richiedere il dirigente di tenermi nella scuola di titolarità come nella prima ipotesi?”

La composizione di una Cattedra Orario Esterna può essere modificata negli anni scolastici successivi qualora non si verifichi più disponibilità di ore nella scuola assegnata per completamento di orario.

Nel caso indicato dal nostro lettore, l’Ufficio Scolastico Provinciale, in fase di elaborazione dell’organico 2020/21, dovrà tener conto della scomparsa dello spezzone di 6 ore nella scuola di completamento della cattedra e della disponibilità di 15 ore nella sede principale.

L’USP dovrà, quindi, cercare in altra istituzione scolastica  uno spezzone orario disponibile di 3 ore al fine di costituire la COE 15+3 nella scuola di titolarità del docente.

Se non vi fossero scuole con spezzoni orario disponibili, nella scuola di titolarità del nostro lettore rimarrebbe uno spezzone orario di 15 ore che, se verrà confermata la normativa sull’organico 2019/20 dell’anno scorso, avrebbe conseguenze diverse sulla sua titolarità a seconda che la scuola sia un istituto secondario di I grado o di II grado.

Riferimenti normativi

Il riferimento normativo più recente al quale si può far riferimento, in attesa delle disposizioni che dovranno riguardare l’organico 2020/21, è la nota ministeriale n.422 del 18 marzo 2019 avente come oggetto “Dotazioni organiche del personale docente per l’anno scolastico 2019/2020

Ipotizzando che quanto stabilito nella succitata nota sia confermato anche per il prossimo anno, si ritiene utile sottolineare che tra le disposizioni comuni per la scuola Secondaria si stabilisce che “[….] Ai sensi dell’articolo 21 del decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81, le cattedre costituite con orario inferiore all’orario obbligatorio di insegnamento dei docenti, definito dal contratto collettivo nazionale di lavoro, sono ricondotte a 18 ore settimanali [….]”

Un‘eccezione è prevista, però, per la Secondaria II grado per la quale la succitata nota ministeriale prevede quanto segue:

“[….] le cattedre costituite con orario inferiore all’ orario obbligatorio di insegnamento dei docenti, definito dal contratto collettivo nazionale di lavoro, sono ricondotte a 18 ore settimanali, anche mediante l’individuazione di moduli organizzativi diversi da quelli previsti dai decreti costitutivi delle cattedre, salvaguardando l’unitarietà d’insegnamento di ciascuna disciplina. Fanno eccezione le cattedre che non sia possibile formare per complessive 18 ore anche ricorrendo ad una diversa organizzazione modulare, fermo restando che le stesse non potranno comunque avere un orario inferiore alle 15 ore settimanali. In tal caso l’orario necessario per completare la cattedra potrà essere impiegato per il potenziamento degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti e/o per attivare ulteriori insegnamenti, finalizzati al raggiungimento degli obiettivi previsti dal piano dell’offerta formativa [….]”

Conclusioni

Se il nostro lettore è titolare nella Secondaria I grado, lo spezzone  residuo di 15 ore, senza possibilità di completamento, non consentirà di conservare la titolarità nella scuola e il docente sarà dichiarato soprannumerario.

Se, invece, la titolarità del nostro lettore è nella Secondaria II grado, anche in assenza di completamento esterno, con uno spezzone residuo di 15 ore il docente conserverà la sua titolarità nella scuola e lavorerà su una cattedra 15+3, completando le 3 ore nella stessa scuola per il potenziamento degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti e/o per attivare ulteriori insegnamenti, finalizzati al raggiungimento degli obiettivi previsti dal piano dell’offerta formativa, come stabilito nella normativa

Si sottolinea che quando indicato è ipotetico in quanto non è stata ancora predisposta e pubblicata la nota relativa all’organico 2020/21 e, in attesa di questa,  si ipotizza che rimanga valido  il riferimento normativo dello scorso anno in relazione all’organico 2019/20

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito