Catania, il G7 parallelo degli studenti: dall’emigrazione allo sviluppo sostenibile. I temi affrontati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il G7 parallelo, ossia quello di oltre mille studenti che, a Catania, hanno affrontato temi quali l’emigrazione, la legalità, il clima, lo sviluppo sostenibile e la religione e si sono confrontati in merito non solo tra di oro ma anche con  personalità del calibro di Romano Prodi,  ex Presidente della Commissione Europea, o Javier Solan, ex Segretario generale della Nato.

L’evento costituisce la prima edizione del Festival di Geopolitica “Mare Liberum” organizzato, come riferisce l’Ansa, da Diplomatici e dalla rivista Eastwest.

“Mare Liberum” è un’occasione per rendere consapevoli e partecipi gli studenti delle principali problematiche, che riguardano il nostro Pianeta, e far loro esercitare la democrazia diretta che, come affermato da Giuseppe Ayala, “non si sostanzia nell’attuale corsa al click sul computer”.

Oltre che con Romano Prodi e Javier Solan, gli studenti si sono confrontati con Enrico Giovannini e Piero Fassino, con i quali sono stati affrontati rispettivamente temi quali le strategie europee per lo sviluppo sostenibile e il rapporto tra attualità, cooperazione e sviluppo.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione