Casi COVID a scuola, la “sospensione delle lezioni in presenza”, l’attivazione della didattica distanza nella scuola di Primo grado: modello da scaricare

WhatsApp
Telegram

L’emergenza sanitaria ha implicato la scelta di provvedimenti normativi che hanno individuato la possibilità di svolgere “a distanza” le attività didattiche delle scuole di ogni grado, su tutto il territorio nazionale (primo tra tutti e tra questi il decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, articolo 1, comma 2, lettera p). Questa possibilità, quest’anno davvero ridotta al “lumicino” sta tornando assai utile in quelle scuole nelle quali le autorità sanitarie o comunali hanno disposto la quarantena per alcune classi o alunni o la sospensione delle attività didattiche in presenza per interi plessi o, addirittura, istituti scolastici.

Il Piano scolastico per la didattica digitale integrata

Il Piano scolastico per la didattica digitale integrata (DDI) nasce, nelle scuole italiane, dall’esperienza maturata a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 che nella seconda parte dell’anno scolastico 2019-2020 ha determinato la sospensione delle lezioni in presenza e l’attivazione di modalità di didattica a distanza, così come stabilito dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8 marzo 2020 (Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19) a cui hanno fatto seguito le indicazioni operative contenute nella Nota prot. 388 del 17 marzo 2020 (Emergenza sanitaria da nuovo Coronavirus. Prime indicazioni operative per le attività didattiche a distanza).

Il D.L. 8 aprile 2020 n. 22, il D.L. 19 maggio 2020 n. 34 e D.M.I. 26 giugno n. 39 e “Le Linee Guida” (Allegato A al D.M. 26 giugno n. 39), in particolare, hanno fornito successive indicazioni dettagliate per la progettazione del Piano scolastico per la didattica digitale integrata (DDI).

La redazione del piano

Il Piano è stato redatto in conformità alle Linee guida sulla Didattica digitale integrata, emanate con Decreto Ministeriale 7 agosto 2020 n. 89 contenente norme su “Adozione delle Linee guida sulla Didattica digitale integrata, di cui al Decreto del Ministro dell’Istruzione 26 giugno 2020, n. 39”.

Il DL 111/2021, anche sulla base di quanto affermato dal Comitato Tecnico Scientifico nel verbale 34 del 12 luglio 2021, ha stabilito che le attività scolastiche siano svolte in presenza, “al fine di assicurare il valore della scuola come comunità e di tutelare la sfera sociale e psico-affettiva della popolazione scolastica”.

I casi aumentano e le autorità locali possono “sospendere le lezioni in presenza” e non chiudere le scuole

Restano, tuttavia, alcune gravi situazioni sanitarie che consentono alle autorità locali di disporre la deroga a tale norma per alcuni territori o singoli Istituti, sospendendo le lezioni in presenza. La sospensione è una chiara previsione normativa che, in alcun modo, può essere sostituita da una “chiusura” di plessi scolastici che, nel caso di specie non è prevista. Inoltre, sempre in relazione alla situazione sanitaria attuale, si possono verificare situazioni di isolamento e/o quarantena, disposti dalle autorità sanitarie, per singoli studenti o gruppi-classe. In tutti e soli questi casi, escludendo la possibilità del ricorso alle attività a distanza per ogni altra fattispecie, sarà possibile il ricorso a forme di didattica digitale integrata. è bene che le autorità comunali facciano buon uso dei poteri loro conferiti in materia sanitaria, non eccedendo i limiti previsti dalla norma, e non interrompendo, come erroneamente stanno facendo alcuni sindaci, il pubblico servizio.

Perché il Piano

Le “Linee Guida per la Didattica Digitale Integrata” hanno chiesto l’adozione, da parte delle istituzioni scolastiche, di un Piano affinché le scuole siano pronte “qualora si rendesse necessario sospendere nuovamente le attività didattiche in presenza a causa delle condizioni epidemiologiche contingenti”.

Il Piano, che ciascuna scuola ha già adottato per l’a.s. 2020/2021, contempla la DAD non più come didattica d’emergenza ma didattica digitale integrata che prevede l’apprendimento con le tecnologie considerate uno strumento utile per facilitare apprendimenti curricolari e favorire lo sviluppo cognitivo.
In tale prospettiva compito del docente è quello di creare ambienti educativi che siano adeguati e capaci di:

  • incoraggiare l’apprendimento collaborativo;
  • favorire l’esplorazione e la scoperta;
  • alimentare la motivazione degli alunni;
  • attuare interventi adeguati nei riguardi di alunni con Disturbi Specifici dell’Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali;
  • promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere;
  • valorizzare l’esperienza e le conoscenze degli alunni.

La DDI in particolare nelle situazioni di emergenza che non rendono attuabile l’accesso fisico alla scuola degli alunni e, talvolta, anche dei docenti, sostituisce, a distanza, la didattica d’aula in presenza.

Cosa promuove il Piano e cosa fare in caso di DAD

Il Piano per la Didattica Digitale Integrata promuovere:

  • l’omogeneità dell’offerta formativa;
  • la realizzazione di attività volte allo sviluppo delle competenze digitali degli alunni;
  • il potenziamento degli strumenti didattici e laboratoriali necessari a migliorare la formazione e i processi di innovazione delle istituzioni scolastiche;
  • l’attenzione agli alunni più fragili;
  • Informazione puntuale, nel rispetto della privacy.

Le applicazioni per la DaD

I principali strumenti di cui si avvale la Didattica a Distanza sono in generale:

  • Registro Elettronico;
  • G-Suite for Education – L’account collegato alla G Suite for Education consente l’accesso alle email ed alle app utili alla didattica, come ad esempio Google Classroom, Google Drive, Google Meet.

Estensioni

Ai servizi di base della G Suite for Education possono essere affiancate delle estensioni:

  • Equatio – Software per una migliore scrittura dei simboli matematici all’interno degli strumenti di G Suite for Education.
  • Read &Write – Software di alfabetizzazione amichevole per supportare gli alunni nella lettura, scrittura e ricerca.
  • Nearpod – Estensione di Google Slides gratuita per creare lezioni multimediali interattive.
  • Screencastify – Estensione gratuita per registrare lo schermo del computer e la propria voce. Ideale per fornire istruzioni o presentare concetti ed idee.
  • Edpuzzle – Piattaforma per inserire domande aperte o a scelta multipla autocorrettive all’interno di un qualsiasi video, rendendolo di fatto interattivo.
  • Kahoot – Creazione condivisione di quiz interattivi che sfruttano i dispositivi degli Alunni o quelli della scuola in un’ottica di gamification.
  • Canva – Creazione e condivisione di infografiche, immagini e poster digitali.
  • Book Creator Strumento semplice per creare fantastici libri digitali.

Finalità Educative e Didattiche della DAD

Scrive la coordinatrice per la Primaria dell’Istituto Maria Consolatrice di Torino Laura Diamante che “come riconosciuto nella Convenzione Internazionale sui diritti dell’infanzia e dal Ministero dell’Istruzione (nota n.388 del 17 marzo 2020), l’Istituto si impegna a garantire il diritto all’istruzione anche nei momenti di emergenza e criticità; a mantenere viva la comunità di classe, di scuola e il senso di appartenenza, combattendo il rischio di isolamento e di demotivazione; a mantenere costante il percorso di apprendimento e a sostenere il bambino nella costruzione armonica del sé e sviluppare al meglio la sua personalità, i suoi talenti e le capacità fisiche e mentali”.

Obiettivi e Strategie

Un’idea di quelli che sono, in questo nuovo anno scolastico, gli obiettivi principali, la possiamo desumere dal documento stilato dall’Istituto Maria Consolatrice di Torino che definisce la DAD come la scelta unica in grado “di mantenere un contatto con studenti e famiglie per proseguire la relazione educativa, sostenere la socialità e il senso di appartenenza e garantire la continuità didattica e il diritto all’istruzione, per consentire il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento delle Indicazioni Nazionali. Si privilegerà l’aspetto dell’ascolto, della relazione e della vicinanza, quale importante riferimento emozionale, in grado di sorreggere motivazione, fiducia e senso di appartenenza”.

Piano Didattica Digitale Integrata

 MODELLO DA SCARICARE PER LA DAD NELLA PRIMARIA DDI

Orario Interno CLASSE SCUOLA PRIMARIA IN MODALITA’ DDI

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur