Casa (M5S): misure imponenti. Ora interventi per studenti più piccoli, disabilità e responsabilità dirigenti

Stampa

“Le misure messe in campo dal ministero dell’Istruzione per affrontare l’emergenza sono state imponenti.

“Dagli 85 milioni stanzianti sin da subito per consentire a tutte le scuole e a tutti gli studenti di svolgere la didattica a distanza, al recente piano da oltre 400 milioni per potenziare la connettività delle scuole, l’impegno per la digitalizzazione è stato essenziale oggi e lo sarà ancora di più domani, quando finita la fase emergenziale si dovranno mettere a frutto gli insegnamenti di questa esperienza, rendendo le nostre scuole moderne e proiettate al futuro attraverso una didattica integrata”. Così Vittoria Casa, deputata del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura, al termine dell’audizione della ministra Lucia Azzolina.
“Estremamente positivo l’operato anche sul fronte della lotta al precariato, con la previsione di 16.000 ulteriori assunzioni di docenti oltre agli 82.000 posti già messi a bando, e sul fronte dell’edilizia scolastica: agli 830 euro già stanziati tra marzo e aprile, si sono aggiunti altri 855 milioni che riceveranno gli Enti locali per gli interventi di manutenzione straordinaria. Ancora una volta”, prosegue la nota, “la sicurezza viene messa al centro delle azioni di questo Governo, a beneficio di tutto il Paese”.
“Il lavoro per far ripartire la scuola italiana è ancora lunga, e sicuramente nelle prossime settimane c’è bisogno di definire ulteriori passaggi, in particolare per quanto riguarda il rientro a settembre: questo è essenziale tanto per gli studenti quanto per i docenti e dirigenti scolastici, ad oggi comprensibilmente preoccupati”.
“Particolare attenzione, inoltre, dovrà essere presto data alla situazione di bambine e bambini nella fascia d’età 0-6 e della scuola primaria: sappiamo che sono in corso interlocuzioni con gli altri ministeri competenti”, sottolinea la portavoce, “e siamo pronti a dare il nostro contributo affinchè oltre agli interventi che si stanno prevedendo ad esempio per la riapertura dei centri estivi, se ne aggiungano altri per gli studenti più piccoli e per quelli con disabilità, o che vivono particolari disagi. Non possiamo e non dobbiamo permetterci di lasciare indietro, in una situazione che di per sé tende ad aumentare le disuguaglianze, proprio chi ha maggiormente bisogno del sostegno dello Stato”, conclude Casa.

Stampa

Black Friday Eurosofia, un’ampia e varia scelta di corsi d’aggiornamento pratici e di qualità con sconti imperdibili