Casa (M5S): da studenti importanti proposte per riforme su esame, ed. civica, alternanza scuola-lavoro

WhatsApp
Telegram

“L’audizione in VII commissione dei rappresentanti delle associazioni studentesche maggiormente rappresentative è andata molto oltre il momento di protesta delle recenti manifestazioni di piazza. Dai ragazzi sono arrivate importanti osservazioni e sollecitazioni sui temi dell’esame di stato, del diritto allo studio, della dispersione scolastica, dell’educazione civica, dei problemi psicologici e dell’alternanza scuola-lavoro: istituto, quest’ultimo, che andrebbe riformato tenendo particolarmente in conto le pertinenti proposte dei ragazzi”: così Vittoria Casa, presidente commissione Cultura Scienza e Istruzione alla Camera.

“È evidente che al di là delle differenti vedute sui temi contingenti, le nostre studentesse e i nostri studenti siano preoccupati soprattutto per i problemi strutturali della scuola: dall’edilizia scolastica alla mancanza di un sostegno psicologico, dallo sport a scuola all’uso della Dad come strumento complementare di formazione ed educazione. Terrò conto degli interventi di oggi, sarò portavoce delle istanze degli studenti al ministro Bianchi” conclude Vittoria Casa.

Lattanzio: momento importante di confronto

“Abbiamo finito adesso di audire in Commissione Cultura e istruzione le rappresentanze organizzate degli studenti e delle studentesse delle scuole italiane. Un momento importante per il Parlamento e per Il Pd, per il quale io le ho richieste, perché ha permesso di instaurare un confronto non solo sui bisogni ma anche sugli obiettivi dei movimenti che stanno animando la fase di protesta e di proposta di questo anno scolastico. Il dato trasversale che è emerso con forza è la necessità di un intervento strutturale sul benessere psicologico, i problemi di salute mentale, già esistenti, sono stati esacerbati dalla pandemia. E tutti i colleghi sembravano aver recepito questa sensibilità, grazie anche al lavoro del collega del Pd Filippo Sensi. Poi esprimono bisogno di partecipazione strutturale. Ho già chiesto che queste audizioni diventino un appuntamento stabile, dato che la pandemia non finisce con la fine dello stato dell’emergenza ma continua nei suoi effetti. Un confronto costante e non episodico può essere poi anche utile al ministero dell’Istruzione. Da ultimo hanno espresso preoccupazione per il tema sicurezza e edilizia. Anche qui: abbiamo il dovere di dare risposte celeri, rilevanti anche dal punto di vista pedagogico, per costruire una edilizia scolastica in chiave educante, con spazi abilitanti per la didattica integrata”.

Così in una nota il deputato del Partito Democratico Paolo Lattanzio, membro della Commissione Cultura e Istruzione.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur