Casa (IpF) risponde a Salvini: “L’appello in classe inizia con il cognome e gli elenchi sono in ordine alfabetico”

WhatsApp
Telegram

La parlamentare Vittoria Casa, di Insieme per il Futuro, commenta le parole del leder della Lega Matteo Salvini sulla scuola.

L’inizio della campagna elettorale, il caldo e i brindisi estivi non aiutano certo la lucidità. Così Salvini, durante una Festa della Lega, si dice stupito che gli appelli scolastici non prevedano la chiama per nome: “Elena”, “Giorgio”, “Riccardo”, “Antonella”. E in un momento d’estrema fantasia, chiama in causa nientemeno che “l’ideologia gender“, scrive su Facebook l’ex deputata del M5S.

Che Salvini non avesse alcun tipo di ricordo del tempo passato a scuola lo si era già intuito in altre circostanze. Da parte mia, lo tranquillizzerei: è così da sempre. L’appello inizia con il cognome e gli elenchi delle classi sono tutti per ordine alfabetico. Tanto più che i nomi propri ricorrono e si rischierebbe di fare enorme confusione“, continua Vittoria Casa che conclude: “La scuola sarebbe meravigliosa se gli adulti ne avessero memoria. In particolare i politici, quelli che si candidano a governare il Paese“.

Salvini: “A scuola l’appello per cognome per non discriminare bambini fluidi” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur