Casa internazionale delle donne, Fedeli: evitarne la chiusura

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Miur – “Il Comune di Roma non può semplicemente intimare lo sfratto alla Casa internazionale delle donne. Stiamo parlando di una struttura che è non solo un pezzo di storia conosciuta e apprezzata in tutto il mondo, ma di una realtà sociale che ogni giorno, come fa da oltre trent’anni, accoglie e sostiene donne che hanno bisogno di aiuto, e che crea cultura utile a contrastare le discriminazioni, lo sfruttamento, la violenza contro le donne.

Impedire a questa realtà di continuare ad aiutare coloro che sono in difficoltà, di continuare a dare un contributo per promuovere una cultura della legalità e di contrasto al sessismo e al razzismo, sarebbe una scelta miope, ingenerosa, per nulla lungimirante. Per questo si deve fare tutto il possibile affinché a livello istituzionale sia trovata una soluzione che tenga conto del necessario rispetto delle regole e al contempo eviti la chiusura della Casa internazionale delle donne”.

Lo dichiara la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli.

Roma, 10 novembre 2017

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione