Carta docente 500 euro, tramonta ipotesi di una riduzione a 400 euro

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’ipotesi di ridurre la carta del docente da 500 a 400 euro dovrebbe essere ormai tramontata.

Ad avanzare l’indiscrezione di un taglio ai riconoscimenti economici destinati ai professori era stato anche il Corriere della Sera.

Il taglio sembrava destinato ad entrare fra quelli che toccheranno gli ambienti scolastici a livello di risorse da destinare al comparto e che il ministro Bussetti ha spiegato essere risparmi.

Tuttavia, l’ipotesi di toccare direttamente le risorse destinate alle spese di respiro culturale per la formazione dei docenti ha subito fatto emergere la preoccupazione di una probabile reazione da parte degli stessi insegnanti e dei sindacati.

La carta del docente è stata introdotta dalla legge 107, prevedendo da subito il tetto di 500 euro e la riduzione a 400 sarebbe eventualmente stata prevista a partire dal 2019/2020, poiché l’importo relativo all’anno scolastico appena iniziato è stato reso disponibile già dal 12 settembre.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione