Carta docente, mille euro per due supplenze: il tribunale di Udine dice sì. Anief invita a gli insegnanti a ricorrere subito: chi tarda rischia di perdere uno o più anni perché vanno in prescrizione

WhatsApp
Telegram

“La normativa nazionale deve essere disapplicata” per “essere dichiarato il diritto della parte ricorrente ad usufruire del beneficio economico di euro 500,00 annui tramite la “carta elettronica”. E se si presenta la richiesta di fruizione entro 5 anni non debbono “ritenersi prescritte ai sensi dell’art. 2948 n. 4 c.c. le somme maturate antecedentemente il quinquennio che precede la diffida inviata da parte ricorrente nel luglio 2022, ossia, sostanzialmente, l’annualità 2016/17”.

A deciderlo è stato il Tribunale di Udine, che ha esaminato il ricorso di un docente che chiedeva di “usufruire del beneficio economico di € 500,00 annui, tramite la “Carta elettronica” per l’aggiornamento e la formazione del personale docente, di cui all’art. 1 della Legge n. 107/2015, per gli anni scolastici 2017/18, 2018/19 e 2019/20”.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “è troppo cogente la decisione presa a maggio 2022 dalla Corte di Giustizia europea dello scorso maggio sul danno prodotto ai docenti precari all’amministrazione stessa nel negare la carta docente ai supplenti: esortiamo gli insegnanti che dal 2016 hanno svolto almeno una supplenza annuale a presentare il ricorso al giudice del lavoro e così recuperare tutta la somma della Carta del docente, 500 euro annui, che i supplenti annuali non hanno potuto fruire per una evidente dimenticanza del legislatore della L. 107/05. A rivendicare con cognizione di causa le somma possono essere anche i precari che hanno svolto servizio su cattedra ridotta. Possono presentare ricorso pure gli educatori, di ruolo e precari, su cui qualche settimana fa la Cassazione si è pronunciata in modo positivo. L’importante, per tutti, è non attendere troppo tempo, altrimenti si rischia di perdere una o più annualità”.

 

LA SENTENZA

Il Tribunale di Udine, in composizione monocratica, in persona del Giudice del Lavoro dr.ssa Ilaria Chiarelli, definitivamente pronunciando, ogni contraria istanza ed eccezione disattesa, 1) accerta e dichiara il diritto della parte ricorrente, con riferimento agli anni scolastici 2016/17, 2017/18 ad usufruire del beneficio economico di euro 500,00 annui tramite la “Carta elettronica del docente per l’aggiornamento e la formazione del personale docente” e per l’effetto; 2) condanna il Ministero dell’Istruzione ad erogare in favore della parte ricorrente, in relazione agli aa.ss. predetti, l’importo complessivo di € 1.000,00 tramite la “Carta elettronica del docente”, oltre accessori come per legge; 3) condanna il Ministero resistente all’integrale rifusione delle spese del presente giudizio sostenute dalla ricorrente spese che liquida in €. 1000,00 per compensi, oltre al 15% dei compensi a titolo di rimborso forfetario ed oltre accessori come per legge con distrazione in favore dei difensori di parte ricorrente.

 

COME FARE RICORSO

Anief consiglia vivamente i docenti precari, dal 2016 in poi, a presentare ricorso per farsi assegnare i 500 euro annui della carta del docente: a tal fine, possono visionare il video tutorial e i link utili per presentare ricorso al giudice prodotto dai legali del giovane sindacato, al fine di recuperare integralmente i 500 euro annui della carta del docente. È possibile visionare video guida, più adesione al ricorso e scheda rilevazione dati.

WhatsApp
Telegram