Carta docente bonus 500 euro non spetta ai precari. Ausili didattici a proprie spese

Stampa

Numerose le richieste in redazione da parte dei docenti precari che, assunti fino al 31 agosto o fino al termine delle lezioni, hanno tutte le intenzioni di assicurare una didattica di qualità alle classi alle quali sono stati assegnati. I numeri ufficiali parlano di circa 130mila supplenze, ma secondo le stime dei sindacati si superano le 200mila unità. Un investimento, quella della card docente, ritenuto al momento non praticabile a livello parlamentare per i docenti precari.

Report supplenze

130mila supplenze docenti (anzi di più) per il 2020/21: quali sono al 31 agosto e quali al 30 giugno

Le richieste

Vorrei sapere se a me, che sono una docente “covid” fino all’8/06/2021 spetta la carta docente

ho un contratto fino al 30/06 e mi chiedevo se anche per noi precari fosse prevista l’erogazione della carta docente. Anche noi abbiamo necessità di formarci e di poter acquistare libri e materiale scolastico.

Nella mia scuola siamo 7 i supplenti con contratto al 31 agosto. Possiamo fare richiesta del bonus 500 euro per acquistate pc e apparecchiature per la didattica a distanza?

No, no e no. La risposta è negativa, qualunque sia la tipologia di supplenza, fino al 31 agosto, 30 giugno, o fino al termine delle lezioni.

Solo i docenti a tempo indeterminato delle scuole statali hanno diritto al bonus 500 euro, come stabilito dal DPCM 28 novembre 2016 (solo per gli educatori sono stati vinti dei ricorsi).

Bonus anche ai precari?

Si è parlato di una misura ad hoc nel corso del primo locdown, ipotizzando di poter impiegare una somma di 300 euro per finanziare le spese dei docenti precari alle prese con la didattica a distanza. La norma non è stata approvata in Parlamento e quindi il tentativo non ha avuto seguito.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia