Carta docente bonus 500 euro è confermata anche per l’a.s. 2018/19

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Anche nell’a.s. 2018/19 i docenti di ruolo potranno usufruire del cosiddetto bonus 500 euro, accreditato sulla specifica piattaforma http://cartadeldocente.istruzione.it

Piattaforma sospesa a partire dal 1° settembre 2018

Come già avvenuto nell’anno scolastico che volge ormai al termine, la piattaforma sarà disattivata per un periodo di tempo indefinito. In questo periodo non sarà possibile effettuare acquisti con la Carta docente, né sarà possibile anticipare somme dalla stessa. Bisogna attendere il ripristino delle piene funzionlità del sistema.

Il Miur ha diramato sulla piattaforma un apposito comunicato, in modo che sia anche evidente quando è necessario spendere le somme residue entro il 31 agosto 2018.

La riattivazione della piattaforma sarà comunicata con nuocvo apposito messaggio. Carta docente 500 euro, dal 1° settembre sospesa. Somme residue non si perdono

Somme non spese del 2016/17

Il messaggio presente sul sito Carta docente non fa riferimento alle somme non spese dell’a.s. 2016/17. Un nostro lettore ci ha però segnalato la risposta ricevuta dal Service Desk in cui si afferma

“ I bonus relativi all’anno 2016/17 non ancora spesi e presenti nello storico portafoglio, non hanno data di scadenza ” Leggi Carta docente 500 euro, somme del 2016/17 non spese non scadono il 31 agosto

Somme non spese del 2017/18

Rimarranno nel portafogli ancora a disposizione anche nel prossimo anno scolastico e saranno sommate al nuovo bonus di 500 euro.

Quando sarà accreditato il bonus per l’a.s. 2018/19

Il Miur non ha ancora diramato la data. Probabilmente ci sarà da attendere, è possibile che si proceda come lo scorso anno scolastico, con la riattivazione della piattaforma già da metà settembre con l’accredito del  bonus valido per l’a.s. 2017/18. Le somme residue invece sono state rese nuovamente disponibili solo a dicembre. Pertanto, anche in vista di eventuali programmazioni di spese, è bene fare i conti con questa tempistica. Prima di procedere  bisogna infatti operare con la rendicontazione delle somme già spese, operazione che non è più affidata alle segreterie scolastiche, ma che è centralizzata.

Eventuali spese non ammissibili dovranno infatti essere decurtate dal prossimo accredito.

Chi ha diritto al bonus 500 euro

Il bonus viene attribuito ai docenti di ruolo delle scuole statali, anche neoimmessi in ruolo o con contratto part time.

In sede giudiziaria anche gli educatori hanno ottenuto tale riconoscimento. Bonus 500 euro, spetta anche agli educatori

Esclusi i docenti precari e i docenti delle scuole non statali.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione