Carta docente ai precari, in 15 mila fanno ricorso: Governo e Ministero corrono ai ripari ma tardivamente e solo per alcuni, continua la battaglia Anief

WhatsApp
Telegram

Sono arrivate ad oltre 15 mila le adesioni degli insegnanti precari al ricorso per ottenere la Carta annuale del docente per l’aggiornamento negata in modo illegittimo negli ultimi cinque anni.

A comunicarlo è il sindacato Anief, il cui operato ha convinto pure il Consiglio dei ministri ad cambiare la Legge 107/15, anche se solo per un parte di precari, e il ministero dell’Istruzione e del Merito a fornire le istruzioni operative su come richiedere il pagamento e l’utilizzo della carta annuale.

 

“Per i tanti che rimangono esclusi – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Aneif – continuiamo a presentare ricorso gratuito in Tribunale con Anief per chiedere i 500 euro annuali negati in modalità singola o collettiva: l’esito di queste impugnazioni sono sotto gli occhi di tutti. Troppo importanti sono la Corte di Giustizia europea, che ha pubblicato l’Ordinanza 450/22, e la sentenza de Consiglio di Stato, la 1842 del 16 marzo 2022, da quale risulta evidente la discriminazione di un’intera categoria di lavoratori che ha gli stessi diritti e doveri dei colleghi insegnanti di ruolo. Il boom di ricorsi è una conseguenza inevitabile”, conclude Pacifico.

 

Le adesioni al ricorso dei precari per recuperare i 500 euro annuali della Carta del docente sono sempre aperte: cliccare qui.

WhatsApp
Telegram

EUROSOFIA: Progressione dei Facenti Funzione DSGA all’area dei Funzionari ed Elevate Qualificazioni