Carta docente 500 euro, scade il 31 dicembre acquisto alcuni dispositivi per DAD

Stampa

Carta docente 500 euro: scade il 31 dicembre, salvo proroga, la possibilità di utilizzare il bonus disponibile per i docenti di ruolo delle scuole statali per l’acquisto di haradware per la didattica a distanza. Ricordiamo che il bonus non è invece previsto per i precari, che però possono prendere in comodato d’uso i pc per la didattica a distanza (senza scadenza). Ricordiamo altresì che la data del 31 dicembre è legata solo ai dispositivi per DAD, mentre il bonus mantiene la sua naturale scadenza (due anni scolastici).

Cosa è possibile acquistare con il bonus

I 500 euro – come ogni anno – sono spendibili per corsi di aggiornamento, acquisto di libri, pubblicazioni e riviste, corsi online purché svolti dagli enti accreditati o qualificati Miur, biglietti per eventi culturali, corsi di laurea e master, corsi per lo studio di lingue straniere all’estero. Per tutti questi acquisti il bonus  dell’anno scolastico 2020/21 rimane spendibile come sempre, cioè entro il 31 agosto 2022.

Cosa riguarda la scadenza del 31 dicembre

Con la carta del docente è inoltre possibile acquistare i dispositivi utili per lo svolgimento delle lezioni da remoto. E la scadenza del 31 dicembre riguarda proprio l’acquisto di questi hardware.

Dall’11 marzo 2020 al 31 dicembre 2020, ricorda il ministero attraverso le FAQ è ammesso l’acquisto di dispositivi hardware finalizzati all’aggiornamento professionale anche per organizzare una didattica a distanza come webcam e microfoni, penne touch screen, scanner e hotspot portatili.

Personal computer, computer portatili o notebook, computer palmari, e-book reader, tablet, strumenti di robotica educativa rientrano invece tra i dispositivi che è sempre possibile acquistare, con scadenza legata alla validità del bonus.

Non è invece possibile acquistare altri dispositivi che hanno come principale finalità le comunicazioni elettroniche, per esempio gli smartphone, come non vi rientrano le componenti parziali dei dispositivi elettronici, ad esempio toner cartucce, stampanti, pennette USB, videocamere, fotocamere e videoproiettori.

Bonus 500 euro, esclusi i precari

Sono esclusi dal bonus 500 euro i docenti precari, per i quali è tuttavia prevista la possibilità di richiedere alla scuola il materiale utile allo svolgimento della didattica a distanza.

In subordine alla necessità di garantire la strumentazione adeguata agli alunni – si legge nella nota operativa 2002 del 9.11 del ministero, emanata a seguito della firma del CCNI sulla Didattica digitale integrata di Anief, Cisl, Flc Cgil -, e tenuto conto che il personale di ruolo può usufruire della Carta del docente, è opportuno che le istituzioni scolastiche attivino le verifiche delle effettive ed eventuali necessità motivate del personale docente a tempo determinato, da poter assolvere anche attraverso lo strumento del comodato d’uso, al fine di essere comunque preparati ad ogni evenienza“.

I supplenti possono usufruire, in comodato d’uso, dei dispositivi per la didattica da remoto, purché vi sia effettivo bisogno.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur