Carta docente 500 euro, Class Action per riconoscimento ai precari e agli ATA

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Uil Scuola Como – Nonostante le promesse del Ministro della Pubblica Istruzione Marco Bussetti di riconoscere anche al personale docente precario la carta docente di 500 euro per la formazione e l’aggiornamento (dimenticandosi completamente di tutto il personale ATA), ad oggi non è pervenuta alcuna azione da parte del ministro che abbia dato seguito a tali affermazioni.

La Federazione Uil Scuola di Como ritiene fermamente che l’assegnazione della carta docenti per l’aggiornamento e la formazione, ( legge 107 comma 121) riconosciuta esclusivamente ai docenti a tempo indeterminato, sia una grave discriminazione nei confronti di tutti i docenti precari e dell’intero comparto del personale ATA.

Il nuovo CNNL 2016/2019, all’art. 24, introduce il concetto unitario di “Comunità educante di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, improntata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni.

In questa nuova ottica l’aggiornamento e la formazione costituiscono un diritto per l’intera comunità educante docenti e personale ATA (di ruolo e precari) e il sostegno economico è una condizione indispensabile alla piena realizzazione e allo sviluppo delle diverse professionalità.

La Federazione Uil Scuola Rua di Como ringrazia tutti i lavoratori che con la sottoscrizione della Class Action hanno dato forza alla legittima protesta per la rivendicazione di questo importante diritto democratico che riporterebbe la giusta eguaglianza sociale.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione