Carta docente 500 euro, 31 docenti sanzionati per uso irregolare

Stampa

Blitz della Guardia di Finanza di Macerata nei confronti di 31 docenti e 2 esercizi commerciali per aver speso il buono da 500 euro della Carta del docente per l’acquisto di beni diversi da quelli previsti dalla norma.

I controlli della Finanza hanno preso spunto da un’attività di analisi effettuata dal Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie della Guardia di Finanza di Roma: hanno riguardato due esercizi commerciali del Maceratese, accreditati presso il Ministero dell’Istruzione, che nel 2018 hanno venduto beni a docenti fruitori dell’agevolazione.

Dalle indagini è emerso che i docenti avrebbero acquistato beni diversi da quelli consentiti dalla norma; a ciascuno è stata applicata la sanzione del pagamento di una somma di denaro pari al triplo del valore del buono speso irregolarmente. Ai due commercianti sanzione cumulativa di circa 5.600 euro l’uno e di oltre 35mila l’altro.

All’esito del servizio, è stato attivato il Ministero dell’Istruzione affinché proceda all’azione di blocco e recupero delle fruizioni indebite verificate durante i controlli eseguiti.

Carta docente 500 euro, solo briciole per corsi di aggiornamento, studiare una lingua straniera o visitare mostre e musei. Gli ultimi dati aggiornati

Che cosa è la Carta del Docente

Con la Carta del Docente (o bonus 500 euro) gli insegnanti di ogni ordine e grado possono acquistare beni e servizi per il proprio aggiornamento professionale: dall’acquisto di libri testi e altre pubblicazioni a corsi d’aggiornamento, da biglietti per musei e rappresentazioni teatrali a iniziative coerenti con il Piano triennale dell’Offerta Formativa delle Scuole.

Come si fa ad ottenere la carta del docente con bonus da 500 euro?

La carta del docente, o bonus docenti, viene assegnata:

  • agli insegnanti di ruolo a tempo indeterminato delle scuole statali;
  • ai docenti che sono in periodo di prova;
  • ai docenti inidonei per motivi di salute in base all’articolo 514 del Dlgs 297/1994;
  • ai docenti in posizione di comando, distacco, fuori ruolo.

La carta docenti non va richiesta, ma viene assegnata in automatico a tutti i docenti sopra elencati. Per poterne fruire è necessario registrarsi al portale cartadedocente.istruzione.it. con credenziali SPID necessarie, poi, anche per creare gli eventuali buoni da spendere.

Sono esclusi i docenti a tempo determinato.

Per approfondimenti leggi qui sotto:

I supplenti possono usufruire, in comodato d’uso, dei dispositivi per la didattica da remoto, purché vi sia effettivo bisogno.

Cosa è possibile acquistare con il bonus

I 500 euro – come ogni anno – sono spendibili per:

  • corsi di aggiornamento;
  • acquisto di libri, pubblicazioni e riviste;
  • corsi online purché svolti dagli enti accreditati o qualificati Miur;
  • biglietti per eventi culturali;
  • corsi di laurea e master, corsi per lo studio di lingue straniere all’estero.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur