Carta del docente bonus 500 euro: attenzione a uso improprio. Si può essere costretti a restituire la somma

WhatsApp
Telegram

Quando si crea il buono della carta docente del bonus 500 euro bisogna prestare attenzione, perchè in caso di errori il Ministero può riprendere il denaro speso per quel prodotto acquistato.

A conferma di ciò bisogna ricordare che l’articolo 9 del DPCM del 28/11/2016, stabilisce che “il MIUR vigila sul corretto funzionamento della Carta e può provvedere, in caso di violazioni o eventuali usi difformi delle norme previste dal citato decreto, al recupero delle somme ai sensi dell’art. 6, comma 7, alla disattivazione della carta o alla cancellazione dall’elenco della struttura, esercente o ente previsti dall’art. 7, fatte salve le ulteriori sanzioni previste dalla normativa vigente“.

Come creare il primo buono

Ricordiamo come creare il buono per l’acquisto di un bene o servizio

– Vai alla pagina “crea buono” accessibile dal Menu

– Scegli se acquistare di persona o online presso un esercente o un ente di formazione aderente all’iniziativa e il bene/servizio che desideri acquistare

– Inserisci l’importo del buono corrispondente al prezzo del bene o servizio che vuoi acquistare

– Il buono creato sarà accompagnato da un codice identificativo (QR code, codice a barre e codice alfanumerico) che potrai salvare sul tuo dispositivo o stampare per utilizzarlo online o presentarlo all’ esercente o ente aderente all’iniziativa e ottenere così il bene/servizio desiderato.

 

La Carta del Docente ti permette di:

  • creare uno o più buoni dell’importo che vuoi fino a un massimo complessivo del tuo portafoglio
  • vedere i buoni creati e pronti da spendere
  • vedere i buoni già spesi
  • verificare quanto ancora puoi spendere

Cosa si può acquistare

Ricordiamo che la carta può essere utilizzata per l’acquisto di:

  • libri e testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste comunque utili all’aggiornamento professionale;
    hardware e software;
  • iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca;
  • iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale;
  • titoli di accesso per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;
  • titoli per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;
  • iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione, di cui articolo 1, comma 124, della legge n. 107 del 2015 (Buona Scuola).

Carta docente 500 euro, 31 docenti sanzionati per uso irregolare

WhatsApp
Telegram

Diventa docente di sostegno, bando a breve: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro