Carta del docente ai supplenti con contratto fino al 30 giugno: approvato ODG al Senato

WhatsApp
Telegram

Il decreto salva infrazioni approvato dal Governo contiene l’estensione della carta docente ai supplenti annuali fino al 31 agosto. Nel corso del passaggio al Senato, il M5S ha presentato un ordine del giorno, approvato, che impegna il Governo ad estendere il bonus 500 euro anche ai supplenti al 30 giugno.

L’ODG presentato dai pentastellati, vuole dunque riequilibrare la situazione card formazione, impegnando il Governo a “valutare l’opportunità di prevedere che la Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, di cui all’articolo 1, comma 121, della legge 13 luglio 2015, n. 107, sia riconosciuta, a decorrere dall’anno 2023, anche al personale docente con contratto a tempo determinato fino al termine dell’anno scolastico, ovvero delle attività didattiche”.

Ordine del Giorno G/755/15/4 (già em. 15.1)

Barbara Floridia, Lorefice, Bevilacqua

Il Senato,

in sede di esame del disegno di legge 755 di conversione in legge del decreto-legge 13 giugno 2023, n. 69, recante disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi derivanti da atti dell’Unione europea e da procedure di infrazione e pre-infrazione pendenti nei confronti dello Stato italiano

premesso che:

l’articolo 15 del disegno di legge, in ottemperanza alle indicazioni della Commissione europea contenute nel Caso ARES(2021) 5623843, estende il diritto alla Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, di cui all’articolo 1, comma 121, della legge 13 luglio 2015, n. 107, anche ai soli docenti con contratto di supplenza annuale su posto vacante e disponibile, e per il solo anno 2023,

impegna il Governo:

a valutare l’opportunità di prevedere che la Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, di cui all’articolo 1, comma 121, della legge 13 luglio 2015, n. 107, sia riconosciuta, a decorrere dall’anno 2023, anche al personale docente con contratto a tempo determinato fino al termine dell’anno scolastico, ovvero delle attività didattiche

Ricordiamo che fra le novità da ricordare in merito alla carta del docente c’è senza dubbio quella che riguarda gli insegnanti che hanno ottenuto una sentenza favorevole di riconoscimento degli anni pre-ruolo. Per questi docenti le cifre ottenute in seguito alla sentenza saranno disponibili per gli anni scolastici 2022/2023 e 2023/2024 o comunque per i due anni scolastici a partire da quello di accredito.

Si tratta per lo più di precari con contratto al 30 giugno che procedendo con un ricorso hanno poi ottenuto il riconoscimento delle annualità perdute di bonus 500 euro per la formazione.

Le indicazioni

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso