Carrozza: “Scuola in prima linea nella lotta alla violenza di genere”

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Miur – "Educare al rispetto dell’altro, al comportamento non violento, alla lotta alla sopraffazione è uno degli obiettivi della scuola italiana". Lo ha assicurato il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza visitando a piazza Montecitorio "15 22 Installazione", rappresentazione teatrale scaturita da un progetto del Miur per portare nelle scuole il tema della violenza di genere.

Miur – "Educare al rispetto dell’altro, al comportamento non violento, alla lotta alla sopraffazione è uno degli obiettivi della scuola italiana". Lo ha assicurato il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza visitando a piazza Montecitorio "15 22 Installazione", rappresentazione teatrale scaturita da un progetto del Miur per portare nelle scuole il tema della violenza di genere.

La scuola è "in prima linea", ha sottolineato il Ministro, "nella sensibilizzazione delle giovani generazioni su questi temi. La scuola deve essere una palestra dove apprendere il rispetto fra i generi, l’accettazione dei ruoli. C’è tanto lavoro da fare e la scuola è il luogo in cui farlo. È giusto che se ne parli con i ragazzi, visti i tanti fatti di cronaca a cui assistiamo.

Questa – ha sottolineato Carrozza – non deve essere solo una battaglia delle donne, ma anche degli uomini. E dirlo in piazza Montecitorio aiuta a sensibilizzare parlamentari e cittadini".

Femminicidio: Boldrini,sia materia scuola

 ”Mi auguro che il ministero consideri l’ipotesi di far divenire le questioni di genere oggetto di insegnamento”: è l’auspicio della presidente della Camera Laura Boldrini, durante il suo intervento alla manifestazione contro la violenza sulle donne in corso davanti a Montecitorio. ”Dalla gabbia” della violenza, dice ancora Boldrini ”si esce con la condivisione”.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia