Carrozza a “Repubblica”: nessun nuovo concorso organizzato come il precedente e reintroduzione della Geografia Economica

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Sul quotidiano "Repubblica" nuova intervista del Ministro Carrozza sul dl scuola che sta per essere discusso al CdM di lunedì prossimo, 9 settembre. 
Carrozza anticipa novità anche per studenti

GB – Sul quotidiano "Repubblica" nuova intervista del Ministro Carrozza sul dl scuola che sta per essere discusso al CdM di lunedì prossimo, 9 settembre. 
Carrozza anticipa novità anche per studenti

Interrogata sul capitolo assunzioni, concorso e organici,  il ministro ha detto: "Il nostro ministero è l’unico che non ha subito tagli legati alla compensazione per togliere l’Imu, e questo dice dell’attenzione del governo per scuola e università. Dico anche che vogliamo introdurre un numero consistente di insegnanti di sostegno, visto l’aumento del numero degli studenti disabili o comunque bisognosi di un’attenzione speciale".

Nessuna intenzione di bandire un nuovo concorso come quello del 2013: "Non bandirò più un concorso pubblico per assumere docenti in queste condizioni. In Toscana e Lazio le commissioni non hanno concluso il lavoro, altrove mancavano classi di concorso, mancavano discipline. Prima di pensare a nuovi concorsi dobbiamo ridare certezza a chi già nella scuola lavora".

Sui 27 mila insegnanti di sostegno da assumere e 44 mila in totale, il ministro ha parlato di trasformazione dell’organico: "In generale stabilizzeremo i precari cercando di avvicinare l’organico di diritto della scuola all’organico di fatto. Chi ha insegnato a lungo deve poter essere assunto".

Alla domanda se ci fossero novità per gli istituti professionali, ha risposto: "Voglio reintrodurre la geografia, tagliata per motivi di bilancio. In particolare la geografia economica".

Alle ore 10 il Ministro ha poi rilasciato un tweet in cui specifica, per coloro che hanno frainteso le sue parole "Non ho detto che sono contraria ai concorsi, ma devono essere banditi in modo adeguato e organizzato". 

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare