Carrozza. L’integrazione non è un problema, ma un’opportunità

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Il ministro Carrozza è stata intervistata a Uno Mattina sull’integrazione scolastica.

"L’integrazione e’ una delle sfide della scuola italiana ed io non la vedo come un problema ma come un’opportunita’".

GB – Il ministro Carrozza è stata intervistata a Uno Mattina sull’integrazione scolastica.

"L’integrazione e’ una delle sfide della scuola italiana ed io non la vedo come un problema ma come un’opportunita’".

 "E’ chiaro che nel comporre tante classi sul territorio ci sono casi che saltano agli occhi e giustamente vengono messi in evidenza – ha sottolineato – dobbiamo comporre le classe in modo equilibrato, non classi con troppi stranieri o con zero stranieri". Carrozza ha ricordato che in questo anno scolastico gli studenti con cittadinanza non italiana sono oltre 736mila, ma "il 50% e’ nato in Italia e parla italiano".

E ha aggiunto: "Il mio messaggio ai genitori di Novara e’ di discutere con gli insegnanti e con i dirigenti scolastici e trovare una soluzione equilibrata in cui pero’ i bambini che non sono cittadini italiani vengano visti anche come un’opportunita’". Quanto al tema del disagio lamentato da alcune famiglie di ragazzi disabili, Carrozza ha dichiarato che le famiglie "devono essere rassicurate" e per questo con il decreto legge della scorsa settimana il governo ha stanziato delle risorse per l’immissione in ruolo degli insegnanti di sostegno, per garantire la continuita’ didattica.

"Stiamo affrontando il problema per quanto possibile con le risorse che abbiamo – ha detto il ministro – un segnale lo abbiamo dato dedicando agli insegnanti di sostegno la prima norma per l’immissione in ruolo e il consolidamento".

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare