Carrozza, su invalsi no “guerre di religione”

di redazione
ipsef

Ragionare con buon senso e uscire da una logica di "guerre di religione" sulla valutazione: è l’dea espressa dal Ministro Carrozza durante la diretta streaming sul Rapporto nazionale sulle prove Invalsi 2013.

Ragionare con buon senso e uscire da una logica di "guerre di religione" sulla valutazione: è l’dea espressa dal Ministro Carrozza durante la diretta streaming sul Rapporto nazionale sulle prove Invalsi 2013.

La valutazione "ci dà l’opportunità di conoscere quello che siamo. Non si comprende la valutazione se non la si lega alla conoscenza, conoscenza di limiti, potenzialità e opportunità e come punto di riferimento per interventi e politiche. E’ alla luce di questa ‘filosofia della valutazione’, legata alla necessita’ di conoscere quello che facciamo e come lo facciamo, che dovremmo vedere le prove Invalsi, cercando di uscire da una logica di ‘guerre di religione’ sulla valutazione ed essendo ben consapevoli del fatto che non si tratta del ‘giudizio di Dio’."

"Ovviamente – ha aggiunto Carrozza – è giusto che ci sia un dibattito del mondo intellettuale e tra chi si occupa di scuola e dobbiamo essere tutti pronti al confronto, al dialogo, ai suggerimenti che ci vengono dall’esterno. Ma dobbiamo ragionare anzitutto con buon senso"

SNV. "Le prove Invalsi 2013 – Presentazione del Rapporto Nazionale". Conferme dal Nord. Miglioramenti al Sud, soprattutto Puglia e Basilicata. Istituti tecnici Nord-Est migliori risultati matematica Licei del Sud

Versione stampabile
anief anief
soloformazione