Carrozza da Fazio. Il ruolo dell’insegnante, i compiti per casa e l’abbandono scolastico

di redazione
ipsef

red – "Come vede la scuola in prospettiva?" chiede Fazio durante la trasmissione appena andata in onda su Rai 3. Il riferimento è al ruolo dell'insegnante che deva fare i conti con le nuove tecnologie e un nuovo modo di fruire la cultura da parte dell'utenza.

red – "Come vede la scuola in prospettiva?" chiede Fazio durante la trasmissione appena andata in onda su Rai 3. Il riferimento è al ruolo dell'insegnante che deva fare i conti con le nuove tecnologie e un nuovo modo di fruire la cultura da parte dell'utenza.

"L'insegnante – afferma il Ministro – è un mentore che guida verso il processo di consapevolezza. Suo compito è  far raggiungere il successo allo studente e far emergere le sue capacità e motivazioni". "Questione di metodo – dice – la scuola è cambiata".

Oggi bisogna usare altri metodi, ci troviamo di fronte ad un profondo cambiamento, un divario generazionale da un punto di vista tecnologico e metodologico.

Per quanto riguarda i compiti in classe, afferma la Carrozza, essi devono essere "equilibrati ed equi", senza aiuto a casa. Ma bisogna lasciare spazio anche alle arti: dai musei ai libri

Per quanto riguarda l'abbandono scolastico, Fazio ricorda che la media italiana è del 17%, perché? Chiede.

"Un dato – dice il Ministro – che non mi fa dormire la notte" e ricorda che perdiamo fino al 20% dei ragazzi in qualche regione. Ricorda, inoltre, che sono stati stanziati fondi per la lotta alla dispersione. "Investiremo fondi – dice – finalizzati a non disperdere questi ragazzi che devono essere reinseriti anche attraverso programmi scuola-lavoro.

Vedi anche

Carrozza da Fazio. Tfa ordinario, si lavora per graduatorie istituto. Riforma cicli sarà materia da costituente. Trovare equilibrio tra pubblico e privato, ma pubblico predominante

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione