Caro PD, non hai svuotato le GAE, hai svuotato il sud. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Antonella Trovato – In tempi di” Caro “da tutte le parti , anche io mi cimento.Caro PD ringraziandola per l’attenzione che vorrà dedicarmi, da docente in ruolo , mi permetto di sottoporle la mia disamina della L.107, la Buona scuola. Io tra le docenti che hanno favorevolmente guardato alla riforma, fiduciosa nelle aspettative e ovviamente tra le migliaia di docenti sbarcati a 1600 km di distanza, ma non è questo il tema.

Il tema è la procedura di svolgimento di un progetto colossale schiantatosi su giri e ripensamenti e modalità errate e sistemi inverosimili che hanno gettato nel caos più totale le nostre vite invece di darvi assetto finalmente e depauperando ancora di più le regioni del sud. Comprendo che la scuola non ha mai pagato nessuno ma l’aggravante questa volta è di avere sprecato pure una grande occasione.

La buona scuola per noi precari inizia con la famosa domanda su 100 province , non sto a tediarla ,nessuno fuori, in GAE sostavano i precari storici , gli stessi che producevano domanda, perchè una FAQ del Miur parlava di soppressione e perchè un partito al governo la caldeggiava e perchè di fatto da sempre riusciva a lavorare da precario in provincia su classi vere ed alunni veri,Provando a comprendere adesso il senso di tutto questo ,pare quasi che le uniche priorità fossero non essere massacrati dalla sentenza Mascolo e assicurare in qualunque modo il servizio istruzione su tutto il territorio dello stato, soprattutto al nord dove non vi erano docenti e le graduatorie risultavano esaurite. Di fatto tutto si traduce in: chi produce domanda, dando credito al presidente che rassicura, finisce ai confini, chi saggiamente resta in GAE, non produce domanda, lavora tutto l’anno come supplente e resta in graduatoria in attesa di immissione in ruolo prima o poi sotto, casa pero’. Sarebbe bastato imporre la stessa procedura a chi non produceva domanda , resti in GAE ma quando deciderai di fare domanda sarai sottoposto allo stesso sistema di reclutamento;100 province anche per te, la legge è uguale per tutti dicevano i padri costituenti, invece no. Si esplica un concorso nel 2012 che non prevede idonei ma solo vincitori; vengono tirati fuori e riservati addirittura tutti i posti anche per gli idonei che non dovevano essere tali; immobilizzati al nord, noi al nord, concorsisti belli, giovani e rampanti dell’ultima ora a casa. Dai una direttiva e crei vuoti ,sempre al sud Per onestà intellettuale le dico che anche noi, e per fortuna ,usufruiamo di un ripensamento in calcio d’angolo, la deroga Puglisi; in questo caso si prova a sanare una scelta a monte inverosimile: il vincolo. Mi chiedo e le chiedo io docente immessa in ruolo, quindi sottoposta agli stessi oneri ed obblighi di tutti gli altri docenti dello stato, non posso chiedere mobilità perchè neoimmessa e quindi devo assicurare la continuità educativa, dimenticando che noi si stava su cattedra provvisoria ,in anno di prova, su ambito e quindi inevitabilmente saremmo stati spostasti, quindi continuità di che? Continuo dicendo che dopo aver subito un disastro in prima battuta, invece di stilare una graduatoria di merito, veniamo ancora affidati all’algoritmo che stabilisce erroneamente dove mandarci e traduce la nostra mobilità in un ulteriore confinamento. Faccio domanda di mobilità per avvicinarmi, passo dai 1400 km ai 1600 km,sempre più su.

Veda io la legge l ho vissuta ma chiaramenete ho avuto modo e tempo soprattutto in esilio di leggerla attentamente.
In sintesi
IL servizio nel paritario non viene valutato in mobilità, questo vuol dire che lo hai potuto usare per uno step importantissimo come l’immissione in ruolo ma non per una semplice domanda di mobilità; difatti i giudici smentiscono il MIUR con l’accoglimento di migliaia di ricorsi.
Chi non produce domanda avrà il posto in provincia.
Chi ha superato il concorso 2012 da idoneo diventa vincitore e resta in regione..
Sottoponi ancora la mobilità a vincolo questo anno, poi togli il vincolo ma imponi data ultima il 31 agosto, giusto per dire accontento tutti ma di fatto gli esiliati tornano al nord e a breve sapranno se potranno permettersi il lusso di farsi ancora mantenere dalle loro famiglie o licenziarsi, anche questo.
Non hai svuotato le GAE, hai svuotato il sud.

Caro PD,se è vero che non ci sono docenti al nord, non è altrettanto vero che non ci sono classi e alunni al sud.
SE al nord non vi sono docenti è perchè con questo stipendio non ci vivi; noi con famiglia giù, con la gestione di due case e l’esigenza di poter vedere le nostre famiglie almeno una volta al mese nemmeno sopravviviamo.
Se al nord vi è il tempo pieno e prolungato, al sud la dispersione scolastica è imperante e gli alunni, anche nelle zone a rischio , preferiamo tenerli per strada.
Se per anni da supplente senza titolo ti sei speso sul sostegno, oggi questo non è più possibile, perchè ad un tratto i docenti da arruolati sono diventati dei brocchi ,nonostante siano disponibili ai corsi riservati, cioè a certificare, pagando di tasca propria , una competenza acquisita nel tempo.
SE nella scuola della meritocrazia non si riesce a mettere in opera un sistema di valutazione in grado di stabilire cosa i docenti sono in grado di fare e si sforna un decreto che consente solo ai precari di restare a coprire la cattedra a richiesta del genitore e a quelli di ruolo no, la colpa è sempre di chi ha prodotto domanda.
Se un algoritmo sbaglia e ti spedisce a Capo Nord,senza se e senza ma , paghi uguale, perchè ti sei fidato e quindi è giusto che paghi ,e paghi doppio, moralmente per esserti fidato ed economicamente perchè se vuoi vedere riparo al tuo diritto leso devi rivolgerti ad un giudice.
Se il potenziamento nell’accezione massima serve a riqualificare l’offerta formativa e potrebbe essere una buona occasione , visto che hai prodotto domanda , diventa impossibile che la tua competenza venga spesa nella scuola del tuo territorio, proprio quello che conosci profondamente e che hai servito da supplente per anni ed anni.

Se il nostro reddito non produce nulla sul nostro territorio affamato , ma serve solo per pagare affitto e tratte aeree non è fondamentale, ed in questo nonostante mi roda, devo pure assentire, considerato che la politica della mia terra non riesce ad opporsi mentre ancora una volta la si svuota, la si svuota dai cervelli, la si svuota da chi ha collaborato a forgiare questi cervelli e poco importa ,anzi ,altro concorso e sotto a chi tocca. Le nuove leve al sud e i veterani al nord.
Però sei di ruolo, quel ruolo che non era un atto dovuto, dopo tre o quattro concorsi e lauree e master ed anni ed anni di servizio; era una sorta di partita ,precari contro algoritmo farlocco”, sulla quale scommettere affetti e corredo umano e vissuto e carriera. Algoritmo farlocco batte precari, come si dice :la dura legge del gol e se domanda uguale credibilità alla tua compagine politica…..uguale autogol.
Grazie mille.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione