Caro bollette, Dad e pannelli solari nelle scuole: in Liguria il piano per evitare ‘la mazzata’

WhatsApp
Telegram

I comuni sono in attesa dell’aumento dei costi delle forniture di energia e gas. La ‘mazzata’, però, deve ancora arrivare: a novembre, probabilmente, arriveranno bollette dai costi astronomici, quasi impossibili da pagare per le casse dissanguate degli enti locali.

Si cercano, dunque, dei diversivi per contenere il costo dell’energia. C’è chi ha deciso di limitare l’utilizzo dell’illuminazione urbana, chi chiuderà gli uffici comunali, chi pensa a nuovi piani di comunità energetica. Varie forme di resistenza che, come segnala La Repubblica, coinvolgono anche la scuola.

A Ventimiglia, comune al confine con la Francia, il sindaco punta all’installazione di pannelli solari nelle scuole: la cifra stanziata è di un milione di euro. Ad Alassio, invece, il sindaco va oltre: “Abbiamo pensato di ripristinare la Dad per uno-due giorni la settimana, spegneremo le luci notturne nell’80% delle strade comunali”.

In realtà, però, i correttivi dei Comuni servono a poco: l’intervento dello Stato non è sufficiente e l’inverno deve ancora arrivare.

Leggi anche

Caro bollette a scuola, “studenti a gennaio in maniche corte”. “Presidi e Ata hanno le stufette accese vicino le gambe”. I lettori si dividono

Caro bollette a scuola, non solo settimana corta: collegi docenti online e spostamento classi in unici plessi. Le ipotesi allo studio

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur