Caro affitti, non solo docenti. Studenti in tenda per protestare: “Prezzi su Milano irraggiungibili”

WhatsApp
Telegram

Caro affitti, non è un problema che riguarda soltanto i docenti. Anche gli studenti sono afflitti da prezzi alti, soprattutto al Nord Italia. Così, durante il primo giorno di scuola in Lombardia, un gruppo di circa venti persone, tra cui Ilaria Lamera, la studentessa che ha guidato la protesta contro il caro affitto passando una notte all’aperto la scorsa primavera, ha rioccupato piazza Leonardo Da Vinci, di fronte al Politecnico di Milano. Questo gesto è motivato dalla delusione per l’assenza di risultati concreti ottenuti fino a questo momento.

Lamera, che è stata la pioniera del movimento di protesta, ha spiegato che la decisione di ritornare in piazza è stata “quasi spontanea” a causa del fatto che, nonostante due mesi di proteste, i costi degli affitti a Milano rimangono fuori dalla portata della maggior parte degli studenti. L’obiettivo della protesta è inviare un messaggio forte alla città e alla classe politica, sottolineando che la situazione attuale non è più tollerabile.

Nel prossimo fine settimana è prevista un’assemblea nazionale che coinvolgerà circa cento partecipanti provenienti da diverse parti d’Italia. Sarà un’occasione per organizzarsi ulteriormente e mandare un segnale alle autorità. Come ha dichiarato Bea, un membro del movimento ‘Tende in piazza’, una delle richieste principali è quella di investire nella creazione di residenze per studenti a prezzi accessibili.

Questo movimento di protesta cerca di sollecitare il governo affinché riconsideri la sua politica sugli affitti e garantisca un futuro più sostenibile per gli studenti universitari.

La questione ha tenuto banco questa estate a seguito della rinuncia alle supplenze da parte di numerosi docenti del Sud. Il motivo, prezzi troppo alti e stipendi troppo bassi.

Un problema concreto, tanto che il Ministro Valditara ha iniziato un colloquio con la Regione Lombardia (con l’obiettivo di trovare un modello da estendere anche altrove) per affitti agevolati usando le case popolari.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta