Carlo De Benedetti dice la sua sui tagli alla scuola: investiamo in sapere e non in guerra. Anief – Confedir plaude

di Giulia Boffa
ipsef

Red – L’industriale Carlo De Benedetti è intervenuto sui tagli alla scuola in un dibattito organizzato da MicroMega sui temi di attualità, in maniera piuttosto esplicita e diretta. Anief e Confedir trovano convincente la proposta di Carlo De Benedetti di dirottare sulla scuola i tanti soldi che lo Stato italiano spende per le spese militari e per le missioni di pace,

Red – L’industriale Carlo De Benedetti è intervenuto sui tagli alla scuola in un dibattito organizzato da MicroMega sui temi di attualità, in maniera piuttosto esplicita e diretta. Anief e Confedir trovano convincente la proposta di Carlo De Benedetti di dirottare sulla scuola i tanti soldi che lo Stato italiano spende per le spese militari e per le missioni di pace,

"So di dire una bestemmia ma lo dico lo stesso – ha affermato De Benedetti – in un Paese come il nostro invece che spendere soldi per attività militari e in missioni all’estero che non ci possiamo permettere, come quella in Afghanistan, se investissimo nel sapere evidentemente costruiremmo il nostro futuro. Qual è in questo contesto l’elemento di competitività  è il sapere. Non i soldi ma la testa. E su questo bisogna investire".
 
Secondo Marcello Pacifico, presidente dell’Anief e delegato Confedir per la scuola, “l’auspicio di Carlo De Benedetti rappresenta finalmente un segnale opposto alla politica miope dei tagli di risorse e di finanziamenti che in questi ultimi dieci anni ci ha sempre più allontanato dalla crescita globale”. 
 
Lo hanno capito in Germania e negli Stati Uniti, dove gli investimenti per l’istruzione non si toccano, anzi si incrementano. In Italia, invece, le ultime proposte calate dell’alto mirano ancora una volta a produrre risparmi nella scuola. Come quella dell’aumento delle ore d’insegnamento settimanali dei docenti italiani in servizio nella scuola media e superiore: un’idea balzana del Governo, saggiamente cancellata in Parlamento, che sarebbe stata funzionale solo al risparmio di altri milioni di euro da sottrarre all’istruzione dei nostri giovani”.
Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione