Cari genitori: quante volte?

di Lalla
ipsef

Caterina Altamore – Gentili genitori, vorrei che vi fermaste un po’ a riflettere, dimenticando per un attimo tutti i pensieri che affollano la vostra mente e chiedetevi se davvero state facendo TUTTO per i vostri figli.
Non rispondete in fretta, sicuramente state lavorando per loro, senza un attimo di respiro, incessantemente e instancabilmente, ne sono certa ma succedono delle cose gravissime che stanno distruggendo, sotto i vostri occhi distratti, il futuro dei vostri figli.

Caterina Altamore – Gentili genitori, vorrei che vi fermaste un po’ a riflettere, dimenticando per un attimo tutti i pensieri che affollano la vostra mente e chiedetevi se davvero state facendo TUTTO per i vostri figli.
Non rispondete in fretta, sicuramente state lavorando per loro, senza un attimo di respiro, incessantemente e instancabilmente, ne sono certa ma succedono delle cose gravissime che stanno distruggendo, sotto i vostri occhi distratti, il futuro dei vostri figli.

Voi direte:"Ma noi lavoriamo per il loro futuro"… non basta , bisogna anche lottare per loro.

Vorrei farvi notare della cose che accadono oggi, proprio ai vostri figli e che spesso vengono sottovalutati e ignorati.

La scuola pubblica statale è al collaso, senza fondi, e mancano soprattutto quelli che sono stati definiti " TROPPI", ma vorrei oggi chiamarli con il giusto nome : "RISORSE".

Tutto questo cosa ha causato: classi sovraffollate, ma una cosa ancora piu’ grave e’ che ai vostri figli viene negato il diritto allo studio.

Quante volte i vostri figli vengono fatti uscire in anticipo o entrano piu’ tardi poiche’ non ci sono insegnanti e non vengono più chiamati i supplenti;
quante volte i vostri figli vi raccontano che sono stati ospitati o meglio " parcheggiati" in altre classi per giorni e giorni;
quante volte vi siete accorti che rimangono indietro e nessun insegnante puo’ piu farli recuperare;
quante volte vi siete soffermati a guardare la scuola che cade a pezzi, spesso sporca e incustodita;

QUANTE VOLTE? Rispondo io da genitore : " TROPPE VOLTE".

Mi permetto, con molta umilta’, ma con tanta determinazione, di dirvi che e’ ora di pensare VERAMENTE al loro futuro e se un giorno i nostri figli ci chiederanno quante volte abbiamo lottato per loro, noi potremo risponde: SEMPRE!

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione