Mancano docenti sostegno, alunni con disabilità a casa

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Docenti di sostegno: gravi carenze di organico in Veneto, come denunciati dall’Assessore all’Istruzione della Regione, Elena Donazzan.

Bambini lasciati a casa?

L’Assessore, come riferisce l’Ansa, denuncia che vi sarebbero state alcune scuole che hanno chiesto ai genitori di alunni con disabilità di lasciare i bambini a casa per la mancanza di docenti specializzati.

“In queste ore, dopo il primissimo giorno di scuola – spiega Donazzan -, mi giungono le voci preoccupate di famiglie di diverse province del Veneto alle quali gli istituti scolastici, in particolare quelli primari, chiedono di non mandare i propri figli in classe, ma di tenerli a casa. La cosa gravissima è che si tratta di bambini con certificazioni, quindi i più fragili, spesso con disabilità”.

La Donazzan ha poi dichiarato di aver avviato una verifica presso l’USR, ritenendo la soluzione di lasciare a casa gli alunni ancor più grave della mancanza dei docenti.

Analogamente grave, conclude l’Assessore, è che il Miur non si renda conto di non avere un organico ottimale sin del primo giorno di avvio dell’anno scolastico.

I numeri in Veneto e nelle altre Regioni

Come riferito, in Veneto mancano 8000 docenti, di cui 2284 di sostegno.

Quanto alle altre regioni, i posti vacanti sono:

  • 700 in Liguria
  • più di 1000 nelle Marche
  • 13000 in Lombardia
  • 700   in Sardegna
  • 900  in Campania
Versione stampabile
anief banner
soloformazione