Cara ministra, non usi più la parola “merito”. Lettera

Stampa
ex

Inviato da Daniele Guernelli – Gentile Ministra, gentili burocrazie ministeriali, il sottoscritto ha tre anni di specializzazione e tre anni di dottorato di ricerca, entrambi fatti con borsa di studio per merito, più di cento pubblicazioni nella sua disciplina concorsuale, in riviste nazionali ed internazionali, e ormai un più di quattro anni di esperienza a scuola.

Ha anche insegnato al TFA. Dunque, l’Università italiana quando ha avuto bisogno di docenti per abilitare i futuri insegnanti ha scelto me. Ma ovviamente, per insegnare a scuola avrei dovuto fare da studente il corso in cui ho insegnato… E quando sono andato per prendere i 24 crediti, lo stesso dipartimento di Scienze dell’Educazione non ha potuto abbuonarmi i miei corsi di ‘Metodologia della didattica’, poiché solo gli esami universitari producono crediti accettabili.

E se avessi avuto l’abilitazione scientifica universitaria?? (eh, no, quella non l’ho, per quella bisogna avere il sangue blu, o essere molto vicini a persone ‘nobili’..). Ma niente, neppure quella serve per essere abilitati a insegnare a scuola: tutto diverso!!! Noo, ci mancherebbe. Eppure, chi è abituato a guidare in un piccolo paesino non deve passare esami di sorta per guidare in una metropoli, mettendo a rischio, a fronte della sua inesperienza, la vita sua e quella degli altri. Nooo, figuriamoci, per insegnare ci vuole altro. Bisogna passare prove che stabiliscano il merito…. Cortesemente, gentile Ministra, Le sarei grato se non utilizzasse più tale parola.

Specie se viene da una classe politica capitata in parlamento per ‘auto-video-interviste’, e mediamente senza alcuna esperienza pregressa. Ehh, vi ricordate i primi giorni, i primi mesi?? Non sapevate bene dove andare, cosa fare. Ma ora avete imparato, no? Ora scrivete leggi, sapete muovervi tra i commi. (E questo lo dico senza ironia, perché il lavoro sul campo è formativo). Ma lo sapete fare davvero? Parliamo della nazione, e dunque è materia importante, no? Che dite, facciamo un test? Un bel concorso a crocette! Nooo, non vi preoccupare, le domande ve le prepariamo noi: saremo buoni…

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata