Caos tfa sostegno, candidato scrive al garante degli studenti. C’erano smartphone, appunti e pc

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il TFA sostegno all’Alma Mater di Bologna non sembra sia partito con il piede giusto.

Si sono presentati al test dell’Alma Mater 2.383 candidati per soli 220 posti, i posti erano solo 100 all’università di Modena-Reggio: ci sono diverse denunce di irregolarità.

“C’era chi aveva il cellulare acceso, chi è andato in bagno col telefono, davanti a me una aveva il bluetooth all’orecchio, giravano le foto delle domande”, riporta Repubblica.

Un candidato ha scritto al Garante degli studenti: “Vorrei segnalare che durante lo svolgimento della prova per la secondaria di secondo grado tante persone sono entrate con smartphone, appunti, libri e addirittura ho visto anche un portatile. Ho notato un paio di persone fotografare le domande del questionario”.

L’Ateneo fa sapere che la prova è stata svolta regolarmente, lunedì si sapranno i risultati.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione