Cangini (FI): chiamata diretta non va abolita. Introduceva criterio merito individuale

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

Nella giornata odierna, come riferito, l’aula del Senato ha iniziatol’esame del DDL che porterà all’abolizione della chiamata diretta dei docenti e degli ambiti territoriali. 

Abolizione chiamata diretta, Senato dà il via

Il capogruppo di Forza Italia in commissione Istruzione Andrea Cangini, come riferisce l’Ansa, è intervenuto affermando che la chiamata diretta, sebbene mal applicata, non deve essere abolita in quanto introduceva nel mondo della scuola il criterio del merito individuale.

Abrogandola – prosegue Cangini – la Lega rinnega il principio dell’autonomia e il governo si conferma in continuità con le peggiori politiche  scolastiche del passato, pensate non nell’interesse degli studenti o per valorizzare i docenti più meritevoli, ma concepite unicamente per scongiurare la rivolta degli insegnanti  meno meritevoli.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione