Canfora ‘ironico’ su Cingolani: “È un comunardo, Draghi stia attento…”

WhatsApp
Telegram

Luciano Canfora replica a Roberto Cingolani e per rispondergli usa la vena dell’ironia. Di fronte alle affermazioni del ministro della Transizione Ecologica il quale, intervenendo alla trasmissione Tg2 Post, ha affermato che è “inutile studiare quattro volte le guerre puniche, serve cultura tecnica”, il filologo è netto nella sua argomentazione.

“Il ministro, di cui ignoro l’appartenenza politica – dice all’AdnKronos – è un comunardo, cioè un seguace della Comune rivoluzionaria di Parigi (del 1871, ndr) che nei 70 giorni scarsi di governo, propose una riforma della scuola in cui si eliminava l’antichità e si sperava che ci si occupasse soltanto di scienza tecnica e vicende contemporanee. Quindi è un estremista di sinistra, bisogna avvisare Draghi che magari si allarma”.

Canfora sottolinea che spiegare a Cingolani “che anche le scienze vengono riproposte di grado in grado nella scuola, così come lo studio della storia, è tempo sprecato perché tanto non capirebbe. Allora ho pensato che l’ironia era l’unica forma per scuotere la coscienza. Anche Omero si addormenta ogni tanto”, ricorda Canfora alludendo alla locuzione latina ‘Quandoque bonus dormitat Homerus’. “E Cingolani che si occupa di transizione, quindi va su e giù, magari si è distratto e ha detto una stupidaggine. Pazienza“, conclude.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito